159 CONDIVISIONI
Il conflitto tra Israele e Palestina
20 Maggio 2021
07:43

A Gaza cessate il fuoco imminente tra Hamas e Israele ma nella notte ancora bombardamenti

La tregua tra Israele è Hamas è imminente, a confermarlo oggi sono stati funzionari del gruppo palestinese interpellati dalla Cnn dopo le prime aperture arrivate dal governo israeliano. Il cessate il fuoco a Gaza, almeno di ripensamenti dell’ultima ora, dovrebbe scattare a partire già dalle prossime 24 ore.
A cura di Antonio Palma
159 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Il conflitto tra Israele e Palestina

Dopo giorni di bombardamenti, morti e sangue, la tregua tra Israele è Hamas è imminente, a confermarlo oggi sono stati funzionari di Hamas interpellati dalla Cnn dopo le prime aperture arrivate dal governo israeliano. L’organizzazione palestinese e Tel Aviv avrebbero quindi trovato un accordo sul cessate il fuoco che, almeno di ripensamenti dell’ultima ora, dovrebbe scattare a partire già dalle prossime 24 ore. Fonti della Difesa israeliane infatti parlano di uno stop agli interventi militari a Gaza entro venerdì per arrivare a un cessate in fuoco completo durante il weekend.

La pressione di Biden su Netanyahu per cessate il fuoco

Lo stop alle armi a Gaza e in Israele è stato chiesto a gran voce negli ultimi giorni da tutti i leader mondiali esercitando pressioni su entrambe le parti per porre fine ai combattimenti. Tra le voci più autorevoli quella del Presidente statunitense Joe Biden che nelle scorse ore ha parlato più volte con il Premier israeliano Benyamin Netanyahu chiedendo una significativa e immediata de-escalation della guerra a Gaza. Gli Usa però al contempo hanno deciso di fermare la proposta francese per una risoluzione ufficiale dell’Onu sul cessate il fuoco.

Netanyahu: "Proseguiremo le operazioni per la sicurezza di Israele"

Nei negoziati per il cessate il fuoco a Gaza un ruolo chiave lo hanno avuto anche rappresentanti egiziani e del Qatar, come ha confermato Hamas. Una tregua che comunque già da ora appare flebile visto che lo stesso Netanyahu ha sottolineato di voler continuare le operazioni a Gaza finché non sarà raggiunto "l’obiettivo di riportare quiete e sicurezza ai cittadini di Israele". Proclami che, se messi in atto, rischiano di aggravare ulteriormente una situazione già drammatica a Gaza dove, secondo l’Onu, più di 70mila persone sono considerate sfollate interne perché hanno perso la casa nei bombardamenti israeliani.

Il drammatico bilancio delle vittime della guerra a Gaza

In oltre dieci giorni di guerra il bilancio delle vittime tra i palestinesi e di almeno 220 morti, tra cui almeno 60 bambini e 30 donne, mentre sono 12 i morti tra gli israeliani tra cui due bimbi. Secondo il Ministero dell'Informazione gestito da Hamas, Israele ha condotto più di 1.800 attacchi aerei su Gaza causando centinai di milioni di dollari di danni all'enclave palestinese. Israele invece rivela di aver intercettato oltre il 90 % dei circa 4mila missili lanciati da Hamas contro il suo territorio. Bombardamenti e lanci di missili però non si fermano. Mercoledì alcuni razzi sono stati lanciati anche dal Libano in territorio israeliano provocando la risposta di Israele con colpi di artiglieria in territorio libanese. Israele ha effettuato più di una dozzina di attacchi aerei su Gaza anche nella notte appena trascorsa abbattendo edifici e abitazioni e causando diversi feriti. Le sirene dei razzi hanno suonato invece  nella città israeliana meridionale di Beersheba ma non si segnalano vittime.

159 CONDIVISIONI
55 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni