Immagini di repertorio
in foto: Immagini di repertorio

È il Manchester Evening a riportare la storia dei fratelli Neil e Paul Micklewright, gemelli di Manchester trovati impiccati assieme in un parco pubblico nei pressi della loro abitazione. I due erano gemelli omozigoti, inseparabili e identici, come li hanno definiti i vicini di casa. Dopo una vita passata assieme, per ragioni che restano ancora ignote, i due fratelli hanno deciso di farla finita e il 31 luglio si sono recati a Davyhulme Park, hanno scelto con cura un albero al centro del parco, in una zona molto frequentata, e si sono impiccati all'alba. I corpi sono stati trovati da un uomo che portava a passeggio il cane, il quale ha immediatamente chiamato i soccorsi. Dopo pochi minuti sul posto è giunta un'ambulanza, ma i paramedici non hanno potuto far altro che constatare la morte dei due gemelli.

Un'inchiesta è stata immediatamente aperta dalla polizia, ma gli inquirenti hanno escluso che ci potessero essere "cause esterne" e hanno confermato che si è trattato di un doppio suicidio. Un gesto inspiegabile secondo vicini e conoscenti, che descrivono i due come una coppia affiatata, certo riservata e di poche parole, ma che non aveva mai destato sospetti o preoccupazioni. I due gemelli si erano trasferiti nella nuova casa di Manchester dopo la morte della madre, avvenuta nel 2015 (mentre il padre era morto nel 2008). Entrambi single, avevano scelto di passare assieme il resto della loro vita, condividendo un appartamento e, a quanto pare, ogni scelta e decisione.