3 Marzo 2017
11:33

L’amore per la scrittura: la Grande Fabbrica delle Parole per trasmetterlo ai bambini

A Milano esiste un laboratorio, La Grande Fabbrica delle Parole, dove i bambini apprendono le tecniche della narrazione e imparano a far volare la creatività: diventano dei piccoli autori di storie.
A cura di Silvia Buffo

A Milano c'è un luogo dedicato al mondo della scrittura e ai più piccoli: "La Grande Fabbrica delle Parole". Si tratta di un laboratorio gratuito che dal 2009 mette a disposizione professionisti della scrittura per insegnare ai bambini le tecniche del linguaggio e della narrazione. Tutto ciò è stato possibile tramite il lavoro di 150 volontari che hanno dato vita ad un progetto interculturale, che collabora con scuole primarie e secondarie: la prima sede de La Grande Fabbrica delle Parole era nella zona di via Padova,  un quartiere conosciuto per la grande capacità di integrazione di chi lo vive, mentre dal 2013 i laboratori con le scuole si tengono presso la Ex Fornace di via Gola.

Il progetto si fonda sulla libertà espressiva e il gioco

Dal laboratorio de La Grande Fabbrica delle Parole
Dal laboratorio de La Grande Fabbrica delle Parole

Oltre alla multiculturalità c'è anche la libertà espressiva fra i valori del progetto, niente censure per i bambini sugli errori grammaticali, niente limiti che tarpino il potenziale narrativo dei piccoli. Come spiega la responsabile del progetto Francesca Frediani:

Il rito dell’ingresso è importantissimo, così i bambini e i ragazzi capiscono davvero di non essere a scuola, ma in un luogo diverso, in cui non si sottolineano gli errori. Non ci sono neanche più le gomme sui tavoli. Quando si parla loro si resta inginocchiati o seduti, per essere alla loro altezza, non si danno indicazioni, ma piuttosto si chiede di essere aiutati proprio da loro.

I bambini sono dei piccoli timonieri delle loro storie

Nella Grande Fabbrica delle Parole, i bambini si sentono alla guida della loro storia,  si sentono speciali proprio grazie al supporto di chi li aiuta a comporre e inventare storie. Possono tornare a casa con libri ideati da loro, così la fantasia prende forma sui fogli e la creatività si concretizza, poiché i libricini vengono impaginati con la foto e la copertina del piccolo autore. Come spiega la responsabile, è un "riconoscimento importante" per un bambino, che lo incoraggia a continuare a scrivere e lo rende soddisfatto.

A Severodonetsk un’altra Azovstal: 800 persone e bambini rifugiati nella fabbrica chimica Azot
A Severodonetsk un’altra Azovstal: 800 persone e bambini rifugiati nella fabbrica chimica Azot
Roma Pride, il messaggio di Elodie:
Roma Pride, il messaggio di Elodie: "Dove c'è l'amore c'è normalità"
439.865 di Simona Berterame
Severodonetsk come Mariupol: soldati ucraini e civili sono assediati nella fabbrica Azot
Severodonetsk come Mariupol: soldati ucraini e civili sono assediati nella fabbrica Azot
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni