Tornano le Giornate d'Autunno del FAI, ma con il Covid-19 la crisi economica morde anche per il Fondo Ambiente Italiano. La denuncia è arrivata ieri sera dal presidente Andrea Carandini, ospite Porta a Porta su Rai1 da Bruno Vespa:

Su 33 milioni di incasso un terzo lo abbiamo perso. Il fondo era in attivo di 1,5 milioni, con la pandemia ne ha persi almeno 5, anche se poi siamo riusciti a recuperare qualche cosa grazie all'anticipo del 5 per mille. È cambiato tutto, è cambiato il mondo. L'imperativo ora è resistere, anche se siamo felici dell'entusiasmo incredibile dei nostri volontari anche quest'anno al lavoro con 96 gruppi per rendere possibili le aperture nella massima sicurezza. Quello che posso dire è che non bisogna avere paura, ma rispettare le regole.

La crisi economica del FAI, il sostegno di Franceschini

E per "resistere" come suggerito da Carandini, le Giornate d'Autunno del FAI arrivano quest'anno in versione raddoppiata (il 17 e 18 ottobre e poi il 24 e 25 con l'apertura di oltre 1000 luoghi in 400 città italiane). Tra le aperture di quest'anno, una particolarmente simbolica riguarda Bergamo, una delle città più colpite dalla pandemia, dove il Fai apre al pubblico lo splendido Palazzo Moroni, gioiello del barocco.

Con 62 beni da gestire, senza il sostegno dei cittadini non possiamo farcela. La nostra è una missione possibile se gli italiani ci mettono nelle condizioni di farla.

Durante la trasmissione di Vespa, a Carandini è arrivato il sostegno del ministro Dario Franceschini.

Giornate FAI d'autunno 2020: il programma

Per permettere a tutti di visitare in sicurezza 1.000 luoghi straordinari del nostro Paese, le Giornate FAI d’Autunno raddoppiano su due weekend: 17 e 18 e 24 e 25 ottobre.Un’occasione da non perdere per tornare a scoprire luoghi ancora poco conosciuti del nostro Paese e sostenere la missione del FAI. Per garantire un sereno svolgimento delle giornate di manifestazione, dal 6 ottobre grazie a una donazione di 3€ sarà possibile prenotare la propria visita sul sito www.giornatefai.it. La prenotazione, seppur fortemente consigliata, non è obbligatoria.Oppure puoi scegliere di iscriverti al FAI prima dell’evento e garantirti l'accesso alle aperture riservate agli iscritti FAI. Sarà comunque possibile iscriversi al FAI anche in piazza durante i weekend dell'evento.