fonte: getty Images
in foto: fonte: getty Images

Il 2020 è anno di grandi appuntamenti, da Raffaello Sanzio ad Amedeo Modigliani. Tra pochi giorni, infatti, il 24 gennaio saranno ben 100 anni dalla morte del grande artista livornese, che nel 1920 trovò la morte a Parigi, all'Hopital de la Charité. Tuttavia il nostro Paese ha deciso di omaggiare Modì con diverse mostre, eventi, convegni, per ricordare la figura di un artista "maledetto" che trovò successivamente alla morte una fortuna imprevista e che oggi ne fa uno dei grandi pittori del ventesimo secolo.

Amedeo Modigliani, 100 anni dopo: le mostre nella sua Livorno

Fino al 16 febbraio 2020 sarà ancora possibile ammirare, al Museo della Città di Livorno, città che gli diede i natali, quattordici dipinti e dodici disegni dell’artista, appartenuti a Paul Alexandre e Jonas Netter. Opere non esposte molto frequentemente, come il ritratto di grandi dimensioni Fillette en Bleu del 1918 o quello di Chaïm Soutine del 1916, amico del pittore durante gli anni parigini. Tutte le opere raccontano gli anni alla Ville Lumiere, gli anni di droga e alcol di Modì, e trasudano la vita dei quartieri parigini di Montmartre e Montparnasse, dove l'irresistibile Amedeo si era legato a Guillaume Apollinaire, al collezionista Paul Guillaume, allo scrittore Blaise Cendrars.

Mentre da stamattina, 16 gennaio, alle ore 11, alla Biblioteca dell’Istituto Niccolini Palli, si terrà l’inaugurazione della mosta “A scuola di Dedo” pensata come un importante contributo alle celebrazioni del centenario dalla morte di Amedeo Modigliani e che proseguirà fino al 17 febbraio. Si tratta di una mostra di tipo archivistico, che attraverso i diari e i registri di classe, le pagelle del giovane Amedeo, rivela i suoi risultati scolastici e consente di conoscere meglio aspetti storici della scuola e della vita di quei tempi.

A Roma la mostra-evento con 100 capolavori

Nella Capitale, invece, saranno oltre 100 i capolavori esposti, sfruttando le possibilità espressive della tecnologia, per un'esperienza immersiva. Fino a giugno 2020 ecco "L’Impossibile Modigliani. L’artista italiano e l’arte africana. Simbolo, opere, tecnologia", grande mostra allestita al Quirinetta, che unirà la tecnologia alle opere di Modigliani, nell’ambito della quale sarà mostrato per la prima volta l’ologramma Modigliani.

Modigliani nel mondo: per il centenario approda in Cina

Nel 2020, invece, Modigliani arriverà fino in Cina con due mostre, seguendo il format Modlight, ideato e registrato dall’Istituto Amedeo Modigliani.