Avvicinata con una scusa da un uomo mentre si trovava in un locale per trascorrere la serata e poi trascinata nel bagno della stessa struttura dove sarebbe stata immobilizzata e brutalmente stuprata dallo stesso ragazzo. È il racconto shock di una giovane studentessa inglese che nelle scorse ore ha denunciato agli organi competenti una brutale violenza sessuale subita a Trento. La ragazza, una ventenne che si trova in Italia per un periodo di studi nell’ambito del programma Erasmus, ha raccontato di essere stata stuprata mentre stava trascorrendo una serata in un locale del Trentino. L’episodio sarebbe avvenuto nella notte tra lunedì e martedì, in un locale nella zona del Buonconsiglio a Trento.

Secondo il racconto che la vittima ha fatto alla polizia, la violenza sarebbe avvenuta nei bagni del locale dove poi l’aggressore l’avrebbe lasciata in lacrime e sotto shock.  La denuncia è scattata solo alcune ore dopo quando la ha trovato la forza di tornare a casa e raccontare l'accaduto ai suoi coinquilini che hanno avvertito le forze dell'ordine. Alla giovane, accompagnata al Pronto soccorso, sono stati riscontrati segni di immobilizzazione e le è stata data una prognosi di due giorni. Intanto la polizia ha avviato immediatamente le indagini per accertare l’accaduto e identificare l’aggressore.

Le indagini, coordinate dalla procura di Trento, sono state affidate agli agenti della Squadra mobile dello stesso capoluogo che hanno già provveduto ad acquisire le immagini delle telecamere di sorveglianza installate nella zona. Dopo il racconto della ragazza, che ha formalizzato tutto in una denuncia, nei prossimi giorni gli inquirenti ascolteranno anche diverse persone presenti quella notte nel locale tra cui clienti, personale e addetti alla sicurezza.