Covid 19
14 Dicembre 2021
09:08

Vaccino ai bambini come stanno andando le prenotazioni, regione per regione

Da dopodomani in Italia verranno somministrate le prima dosi di vaccino ai bambini dai 5 agli 11 anni: ecco come stanno andando le prenotazioni, regione per regione.
A cura di Davide Falcioni
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Se il buongiorno si vede dal mattino la campagna vaccinale dei bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni con il vaccino Pfizer potrebbe rivelarsi un successo: se infatti si temeva che i genitori sarebbero stati estremamente titubanti, i primi dati che arrivano dalle regioni sembrano dimostrare che l'adesione è stata tutt'altro che bassa e a dimostrarlo sono i primi dati che arrivano dalle regioni. L'Unità di Crisi Covid della Regione Lazio, ad esempio, ieri ha fatto sapere che "in due ore – aggiornamento delle 18 – sono state effettuate 19 mila prenotazioni dei vaccini pediatrici nella fascia 5-11 anni sul portale regionale". Bene anche l'Emilia Romagna: ieri alle ore 15, primo giorno utile, le prenotazioni arrivate erano già 7.640 su una platea di 240mila bambini. Più di seimila prenotazioni ieri pomeriggio sono arrivate in Veneto a poche ore dal via alle operazioni, mentre in Lombardia sono state già più di 40mila alle 19 di ieri su 600mila aventi diritto. Il Piemonte ne conta circa 12mila mentre, mentre i numeri sono ancora decisamente bassi e largamente insufficienti in Sicilia.

Da domani in Italia arriveranno le prime dosi di vaccino pediatrico

L'unico vaccino al momento autorizzato per la fascia d'età 5-11 anni è  Comirnaty (Pfizer), che ha ottenuto nelle scorse settimane il via libera sia dall'Ema che dall'Aifa. La circolare del Ministero della Salute prevede la somministrazione di due dosi a distanza di tre settimane l'una dall'altra. L'immunizzazione dei bambini non è finalizzata a ottenere il Green Pass – "i bambini sotto i 12 anni sono esenti", ha precisato ieri il ministero della Salute – ma a proteggerne la salute e limitare l'inesorabile avanzata dei contagi. A partire da domani le Regioni inizieranno a ricevere oltre 1,5 milioni di dosi pediatriche e da dopodomani si partirà con la vaccinazione della fascia più esposta al virus proprio perché senza copertura vaccinale e perché, sotto i 6 anni, esonerata dall'obbligo della mascherina anche a scuola.

31035 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni