Il Paradiso del Palato. Mai nome di un ristorante è parso più inappropriato agli agenti di polizia e agli ispettori della Asl che ieri hanno effettuato un'ispezione nel locale trovandosi, a dire il vero, ben poco di "paradisiaco". Il ristorante cinese, che sorge in via Nizza, a Torino, è stato infatti ispezionato dagli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine, dagli agenti della polizia municipale di San Salvario e dall'Asl, che hanno denunciato il titolare.

Nei congelatori infatti hanno trovato confezioni di carne di cui non è stato possibile accertare la provenienza, contenute in buste non alimentari o abbandonate nei frigoriferi senza nessuna protezione. Sono stati sequestrati oltre 30 chili di alimenti in pessimo stato di conservazione. La polizia municipale, inoltre, ha riscontrato diverse violazioni amministrative, multando la titolare per quasi 23.000 euro.  La donna è stata denunciata anche per resistenza perché di fronte a quel conto salatissimo ha spintonato i poliziotti prendendoli a calci. Di fronte alle irregolarità e al poco igiene  l'Asl ha disposto la chiusura del locale.

I controlli della polizia hanno riguardato otto ristoranti. In una gastronomia di via Sant’Anselmo, sono state riscontrate svariate violazioni amministrative che hanno portato la polizia municipale a sanzionare l’esercente per 11.700 euro. Altri due locali sono stati sanzionati, uno in via Monti e l’altro in via Madama Cristina: il primo per quasi 7.500 euro, il secondo per più di 2.100 euro.