708 CONDIVISIONI

Terremoto l’Aquila, per il tribunale “ci fu concorso di colpa del 30% delle vittime”

Il Tribunale de L’Aquila: È fondata l’eccezione di concorso di colpa delle vittime, costituendo obiettivamente una condotta incauta quella di trattenersi a dormire nonostante il notorio verificarsi di due scosse nella serata del 5 aprile e poco dopo la mezzanotte del 6 aprile”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Davide Falcioni
708 CONDIVISIONI
Immagine

Vi fu un "concorso di colpa delle vittime". È destinata a far discutere la sentenza pronunciata dal tribunale civile dell'Aquila.

La giudice Monica Croci ha infatti accolto la richiesta di risarcimento da parte dell'Avvocatura dello Stato verso i proprietari degli appartamenti del palazzo di via Campo di Fossa a l'Aquila dove, a causa del crollo imputabile al sisma – avvenuto la notte del 6 aprile 2009 – morirono 24 persone.

Dopo il drammatico evento sismico gli eredi delle vittime – disponendo di perizie che attestavano irregolarità in fase di realizzazione dell'immobile e una "grave negligenza del Genio civile nello svolgimento del proprio compito di vigilanza sull'osservanza delle norme poste dalla legge vigente, in tutte le fasi in cui detta vigilanza era prevista" – avevano denunciato (per milioni di euro di danni)  il ministero dell'Interno e il ministero delle Infrastrutture per le responsabilità della Prefettura e del Genio Civile per i mancati controlli durante la costruzione, il Comune dell'Aquila per responsabilità analoghe e le eredi del costruttore Del Beato per le responsabilità in fase di costruzione.

Il tribunale tuttavia ha riconosciuto una corresponsabilità delle vittime pari al 30% perché ha ritenuto siano stati imprudenti a non uscire dall'edificio dopo la seconda scossa e ha condannato i Ministeri e le eredi Del Beato, respingendo le domande nei confronti del Comune e nei confronti del condominio

La sentenza parla chiaro: "È fondata l'eccezione di concorso di colpa delle vittime, costituendo obiettivamente una condotta incauta quella di trattenersi a dormire nonostante il notorio verificarsi di due scosse nella serata del 5 aprile e poco dopo la mezzanotte del 6 aprile", recita il testo.

"Concorso che tenuto conto dell'affidamento che i soggetti poi defunti potevano riporre nella capacità dell'edificio di resistere al sisma per essere lo stesso in cemento armato e rimasto in piedi nel corso dello sciame sismico da mesi in atto, può stimarsi nella misura del 30 per cento. Ne deriva che la responsabilità per ciascun Ministero è del 15 per cento e per il residuo 40 centro in capo agli eredi del costruttore Del Beato".

708 CONDIVISIONI
Operaio di 54 anni muore schiacciato da una lastra di cemento nel Cosentino
Operaio di 54 anni muore schiacciato da una lastra di cemento nel Cosentino
Tredicenne violentata a Catania: restano in carcere 3 maggiorenni, uno ai domiciliari col braccialetto
Tredicenne violentata a Catania: restano in carcere 3 maggiorenni, uno ai domiciliari col braccialetto
Napoli la sfida del Comitato anti camorra: "Una legge per ogni quartiere del post terremoto"
Napoli la sfida del Comitato anti camorra: "Una legge per ogni quartiere del post terremoto"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni