L’amore al tempo del coronavirus può sbocciare anche per caso. Tra storie di quarantena e isolamento forzato è la nata la storia di Paola e Michele. Vicini di casa da sempre, i due non si erano mai conosciuti. Abitano entrambi in Borgo Santa Croce, nella Verona di Romeo e Giulietta. E proprio come per i due amanti della storia d’amore di ‎William Shakespeare, anche tra la 39enne avvocata e il 38enne bancario la scintilla è scattata su un balcone.

Tutto è iniziato lo scorso 17 marzo, quando Lisa, sorella di Paola, ha deciso di uscire sul terrazzo e mettersi a suonare ‘We are the champions’ dei Queen col violino. Con lei c’è anche Paola. Dall’altra parte della strada, circa a trenta metri di distanza, sul balcone dirimpettaio spunta Michele D’Alpaos. Pure lui attratto dalla musica e folgorato dallo sguardo della vicina. Fa una rapida ricerca sui social network, individua il profilo della donna Instagram e la contatta. I due, single, da allora sono inseparabili. Almeno virtualmente. Grazie ai telefonini stanno provando a tenersi stretti, nonostante tutto.

“Per una serie di motivi nessuno dei due aveva storie serie al momento – racconta Michele, come riporta Repubblica – Adesso però siamo innamorati pazzi, ci chiamiamo dieci volte al giorno, usciamo sul poggiolo e ci guardiamo per ore”. I due ragazzi non hanno ancora avuto un contatto di persona. Entrambi hanno genitori anziani in casa e non vogliono metterli a rischio in alcun modo. “ La prima cosa che faremo quando sarà finito tutto? Andremo nel parco dietro i nostri palazzi e finalmente potremo tenerci per mano”, sospira Paola. “È tutto così puro, mi sembra di essere tornata a quando avevo 16 anni” aggiunge. “Mai avrei pensato di provare sensazioni così forti in una situazione di tale privazione” ammette Paola.