983 CONDIVISIONI
16 Dicembre 2021
13:44

Stordita, legata e violentata dal marito: lo scopre guardando il computer

La vittima non si era resa subito conto di quanto le era accaduto e lo ha scoperto solo quando ha trovato i video nel computer del marito. L’uomo condannato a 8 anni.
A cura di Antonio Palma
983 CONDIVISIONI

Ha stordito la moglie con dosi massicce di psicofarmaci, narcotiche ed alcol, poi l'ha legata al letto e ha abusato sessualmente di lei, arrivando anche a filmarla durante gli abusi. Queste le accuse che hanno portato alla condanna di un 52enne veneto per il reato di violenza sessuale pluriaggravata. I fatti contestati all'uomo risalgono a oltre sei anni ma la vittima non si era resa subito conto di quanto le era accaduto e lo ha scoperto per caso solo quando ha spulciato tra le cartelle del computer del marito. In quei file infatti l'uomo aveva salvato i filmati registrati durante gli abusi sulla donna per conservarli. La drammatica e scioccante scoperta di quei filmati girati nella loro camera da letto, ma di cui lei non sapeva assolutamente nulla, ha fatto scattare la denuncia e poi il processo, arrivato ora in giudizio.

Grazie alla scoperta dei video, infatti, la donna iniziò a indagare in casa scoprendo le gocce che lui si era fatto prescrivere dal medico ma che non consumava. Poi gli esami per rilevare la presenza di sostanze che hanno accertato un valore di benzodiazepine sei volte superiore al dosaggio consigliato dai medici. Secondo quanto ricostruito durante il procedimento penale, con questa tecnica, tra i mesi di marzo e aprile 2015, il cinquantenne, tecnico informatico veronese,  in più occasioni avrebbe stordito di nascosto la consorte facendole ingerire benzodiazepina mista ad alcol con l'obiettivo di abusare di lei.  Quando perdeva conoscenza, la donna veniva poi spogliata e legata al letto con delle corde e costretta a subire atti sessuali anche attraverso l'uso di oggetti e sex toys.

Per questi episodi, il pm che rappresentava l'accusa, aveva chiesto sette anni di reclusione ma il giudice è stato ancora più severo infliggendo all'imputato 8 anni di carcere. La sentenza emessa martedì dal Tribunale prevede anche le pene accessorie  dell'esclusione  dalla successione e di un ulteriore anno in cui l'uomo avrà il divieto di svolgere lavori a contatto con minori. Per la vittima degli abusi sessuali, che si era costituita parte civile nel processo, riconosciuto un risarcimento di 20mila euro.

983 CONDIVISIONI
Pedopornografia, Telefono Azzurro a Fanpage: "Tutti i ragazzi vivono esperienze legate al sexting"
Pedopornografia, Telefono Azzurro a Fanpage: "Tutti i ragazzi vivono esperienze legate al sexting"
Adescano giovane disabile con la scusa di una sigaretta: "Violentata da due uomini tutta la notte"
Adescano giovane disabile con la scusa di una sigaretta: "Violentata da due uomini tutta la notte"
"Minorenne violentata alla Caritas a Todi": stupratore scambia i video su Whatsapp
"Minorenne violentata alla Caritas a Todi": stupratore scambia i video su Whatsapp
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni