339 CONDIVISIONI
Teresa Merante, la cantante che celebra la mafia
26 Febbraio 2021
07:24

“Spara alla polizia”, rimosso “U latitanti” video da 3,7 milioni di visualizzazioni di Teresa Merante

Da qualche giorno non è più visibile su Youtube il video della canzone “U Latitanti” cantato da Teresa Merante che aveva raggiunto i 3.7 milioni di visualizzazioni. Un testo esplicito colmo di violenza contro le forze dell’ordine aveva scatenato molte critiche sul brano, che per altro era stato inciso su una base dei Sud Sound System all’insaputa della band salentina.
A cura di Pasquale Zumbo
339 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Teresa Merante, la cantante che celebra la mafia

E alla fine, “U latitanti”, brano da 3 milioni e 700 mila visualizzazioni, è stato rimosso. Il video che vedeva Teresa Merante, la cantante folk di brani dedicati alla mafia, imbracciare una chitarra per cantare le gesta di un latitante, con un testo infarcito di attacchi alla Polizia, definita “brutta compagnia”, e agli agenti, apostrofati come quattro pezzenti, non è più visibile su Youtube.

I servizi di Fanpage  hanno portato all’attenzione nazionale l’argomento dei canti di mafia e hanno fatto scaturire reazioni importanti quali la sospensione della casa discografica dall’AFI (Associazione Fonografici Italiani), un esposto alla Procura da parte del sindacato di Polizia Coisp e finanche un progetto di legge per “apologia di mafia”.

Un brano, "U latitanti", la cui melodia è stata contestata dalla band salentina dei Sud Sound System perché sarebbe nient’altro che il plagio di un canto popolare pugliese, “Lu rusciu de lu mare”, uno dei simboli della Taranta e della pizzica.

Dopo aver bloccato i commenti al video in questione, a causa delle eccessive critiche ricevute, la casa discografica ha deciso di oscurarlo. Non sappiamo se per violazione del copyright, a causa del testo o altro, ma resta il fatto che un video da milioni di visualizzazioni adesso non è più visibile pubblicamente. In tutto questo, c’è un però. Facendo una ricerca su Youtube, “U latitanti” cantato dalla Merante è presente come traccia dell’album “Lupa i notti”, video da 226 mila visualizzazioni. Assieme a questo, sono visibili anche altre versioni dello stesso brano.

Una singola battaglia vinta, infatti, non può bastare perché questo e altri brani, marcatamente inneggianti alla mafia, continuano a circolare sul web, alcuni di questi sempre firmati Teresa Merante ed Elca Sound. Dopo aver interpellato alcuni esponenti del panorama folk calabrese, è chiaro che quello spacciato dalla Merante tutto è tranne canto popolare di tradizione. Un danno d’immagine per la Calabria ma anche per tutti coloro che, quotidianamente si impegnano per diffondere la vera cultura calabrese.

E visto che il cambiamento sociale inizia da quello culturale, è necessario che chi ha cavalcato la notizia, prendendo posizione contro determinati “prodotti musicali”, continui ad impegnarsi anche adesso che la eco mediatica sul “Caso Merante” si è affievolita. La rimozione del video resta un segno tangibile, un primo importante tassello da cui partire. Perché continuare a tacere, ad accettare supinamente quel che si reputa sbagliato, non permetterà alla Calabria di affrancarsi da quella immagine distorta che nel mondo l’ha fatta marchiare come terra di ‘ndrangheta.

339 CONDIVISIONI
Caso Teresa Merante, gli altri artisti folk calabresi: "Quel video va tolto da Youtube"
Caso Teresa Merante, gli altri artisti folk calabresi: "Quel video va tolto da Youtube"
Caso Merante, Otello Profazio e gli altri artisti folk calabresi: "Quel video va tolto da Youtube"
Caso Merante, Otello Profazio e gli altri artisti folk calabresi: "Quel video va tolto da Youtube"
403.858 di Pasquale Zumbo
L'associazione Fonografici sospende l'etichetta discografica di Teresa Merante: "Distanti da noi"
L'associazione Fonografici sospende l'etichetta discografica di Teresa Merante: "Distanti da noi"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni