279 CONDIVISIONI
12 Ottobre 2021
08:10

“Sono solo spazzatura”, decine di donne seviziate e ridotte in schiavitù: 9 arresti a Catania

L’operazione denominata non a caso “Bokluk”, il termine spazzatura in bulgaro, come gli indagati si rivolgevano alle donne che riducevano in schiavitù, ha portato alla luce uno scenario da incubo con donne vendute e comprate per seimila euro, private di ogni libertà e dei documenti e costrette a vivere in condizioni drammatiche, in abitazioni fatiscenti, con scarso cibo e costrette a prostituirsi.
A cura di Antonio Palma
279 CONDIVISIONI

Quelle donne per loro non erano esseri umani ma solo "spazzatura" da poter trattare come un oggetto qualsiasi e poi gettare via proprio come se fossero dei rifiuti: così i componenti di un gruppo criminale operante a Catania definiva infatti le donne che finivano nella loro rete subendo sevizie e torture continue per essere avviate alla prostituzione. L'orribile scenario fatto di violenza e tortura continua nei confronti di decine di donne straniere è stato scoperto dagli investigatori della polizia di stato a Catania che questa mattina hanno fatto scattare il blitz arrestando i responsabili della tratta di esseri umani. Si tratta di nove persone accusate ora di riduzione in schiavitù e associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione, reati aggravati dalla transnazionalità.

L'operazione della polizia di Stato è stata denominata non a caso "Bokluk", il termine spazzatura in bulgaro, come gli indagati si rivolgevano alle donne che riducevano in schiavitù per sfruttarle nel mondo della prostituzione. L'indagine, condotta dalla sezione Criminalità straniera e prostituzione della Squadra Mobile di Catania e coordinata dal pool di magistrati della Dda catanese, era partita nel giugno dello scorso anno a seguito della denuncia di due ragazze bulgare nei confronti di un'altra cittadina straniera che avrebbe preteso da loro il pagamento di un affitto per occupare la strada nei pressi della stazione ferroviaria, dove le due donne si prostituivano.

L'inchiesta ha portato alla luce uno scenario da incubo con donne vendute e comprate per seimila euro,  private di ogni libertà e dei documenti e costrette a vivere in condizioni drammatiche, in abitazioni fatiscenti e con scarso cibo. Le vittime della tratta poi erano costrette a prostituirsi anche per dieci ore la giorno  in qualsiasi condizione meteorologica e se rifiutavano venivano picchiate e seviziate. Alla testa del gruppo criminale, che ricavava dalle donne circa 1.400 euro la settimana, una coppia che poi si serviva di altre persone tra bulgari e italiani per controllare le vittime.

279 CONDIVISIONI
Maxi sbarco di migranti a Lampedusa, in 296 su un solo barcone: anche donne e bimbi
Maxi sbarco di migranti a Lampedusa, in 296 su un solo barcone: anche donne e bimbi
Sea Watch 4 arriva ad Augusta con 461 persone: a bordo 141 minori non accompagnati e 9 donne incinte
Sea Watch 4 arriva ad Augusta con 461 persone: a bordo 141 minori non accompagnati e 9 donne incinte
Femminicidio, donne uccise non denunciano violenze: solo il 15% lo fa, il 63% non parla con nessuno
Femminicidio, donne uccise non denunciano violenze: solo il 15% lo fa, il 63% non parla con nessuno
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni