458 CONDIVISIONI
24 Novembre 2022
17:14

Simone Scalamandrè dopo la condanna del fratello per l’omicidio del padre violento: “Lotterò per lui”

Assolto dopo l’omicidio del padre violento, Simone Scalamandè parla della condanna a 21 anni per il fratello Alessio: “Continuerò a lottare per lui”
A cura di Gabriella Mazzeo
458 CONDIVISIONI

Uno condannato a 21 anni di carcere, l'altro assolto dopo una condanna a 14 anni di carcere in primo grado. Il destino dei due fratelli Alessio e Simone Scalamandrè non potrebbe essere più diverso: entrambi erano coinvolti nella vicenda giudiziaria inerente all'omicidio del padre Pasquale, avvenuto nella serata del 10 agosto 2020. Il delitto era stato compiuto in una situazione di violenza familiare: entrambi volevano difendere la madre Laura Di Santo dalle botte del marito.

Alessio, 30 anni, è stato condannato a 21 anni dalla Corte d'assise d'appello del tribunale di Genova come autore materiale dell'omicidio. Simone, invece, dopo aver ricevuto una condanna in primo grado a 14 anni è stato assolto perché, secondo il giudice, ha dato "un contributo minimo" al reato in concorso.

La sera del 10 agosto 2020, Pasquale Scalamandrè si era presentato a casa della moglie, violando un decreto di non avvicinamento emesso dopo le diverse denunce presentate dalla donna. Sull'uscio di casa aveva preteso che i suoi due figli ritirassero la denuncia presentata contro di lui. La discussione si era fatta sempre più accesa fino a quando il fratello maggiore, per difendersi da un'aggressione, ha colpito ripetutamente il genitore con un matterello, uccidendolo.

Gli avvocati dei due fratelli, Luca Rinaldi, Andrea Guido e la penalista del centro antiviolenza Mascherona di Genova, Nadia Calafato, ricorreranno in Cassazione per provare a ridurre la pena del 30enne. Auspicano inoltre che la Procura non faccia ricorso sulla sentenza emessa per Simone.

"Sono felice di non essere stato condannato, mi dà la certezza che i giudici hanno creduto a quello che ho sempre raccontato – ha spiegato quest'ultimo in un'intervista al Corriere della Sera – ma allo stesso tempo sono triste e incredulo per mio fratello. Io sono stato fortunato: ho percepito l'appoggio della mia città e di persone che neppure ci conoscevano. Durante il processo ho lavorato tantissimo, anche se sempre da precario, perché non volevo fermarmi. Nessuno ha mai avuto pregiudizi. Ovviamente l'appoggio dei legali è stato fondamentale per me e per la mia famiglia. Alessio è contento per me, ma non è tranquillo per la condanna che ha ricevuto. Continuerò a sostenerlo e a lottare per lui".

"Se ci fosse stata più attenzione sull'accaduto e sul tema della violenza sulle donne, che non viene contrastata in nessun modo, non saremmo in queste situazione – ha sottolineato ancora Simone -. Ci sono leggi ancora arcaiche che non proteggono totalmente le vittime. Abbiamo chiesto aiuto tantissime volte, ma le forze dell'ordine purtroppo erano sempre limitatissime. Gli stessi poliziotti si mostravano rammaricati".

458 CONDIVISIONI
Uccisero il padre violento: assolto in Appello uno dei fratelli Scalamandrè, conferma pena per l'altro
Uccisero il padre violento: assolto in Appello uno dei fratelli Scalamandrè, conferma pena per l'altro
Padre violento cerca di accoltellare la moglie: la figlia lo prende alle spalle e le salva la vita
Padre violento cerca di accoltellare la moglie: la figlia lo prende alle spalle e le salva la vita
Saman Abbas, il padre arrestato in Pakistan per l’omicidio: era solo e non ha opposto resistenza
Saman Abbas, il padre arrestato in Pakistan per l’omicidio: era solo e non ha opposto resistenza
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni