I giudici della Corte d'Assise d'Appello di Catania hanno chiesto e ottenuto ulteriori novanta giorni per la consegna delle motivazioni della sentenza di condanna a 30 anni di carcere nei confronti di Veronica Panarello.

Il termine per la consegna sarebbe scaduto il prossimo mercoledì, 3 ottobre. Intanto la mamma di Santa Croce Camerina è stata trasferita dal carcere di Catania, dove ha atteso la sentenza d'appello pronunciata lo scorso 5 luglio, all'istituto penitenziario Le Vallette di Torino. Il trasferimento sarebbe stato richiesto dalla stessa Veronica per avere l'opportunità di seguire un programma rieducativo. Il periodo di permanenza sarà comunque non superiore ai tre mesi, al termine dei quali le autorità decideranno – in base al comportamento di Veronica – se lasciare che prosegua il programma o meno. Una sorta di prova.

Intanto la Panarello, che è rinchiusa in carcere dal 2014, da quando il suo Lorys è stato trovato strangolato in un canalone, continua a ricevere il sostegno del padre, Marco Panarello, che ultimamente le ha fatto visita. L'uomo si è sempre detto convinto dell'innocenza della figlia a continua a sperare che la corte di Cassazione accolga il ricorso dell'avvocato Villardita.