338 CONDIVISIONI
Ultime notizie su Sara Pedri, ginecologa scomparsa a Trento
6 Luglio 2021
13:19

Scomparsa Sara Pedri, si cerca nel lago di Santa Giustina: i cani fiutano un corpo in acqua

È atteso per oggi l’arrivo degli ispettori inviati dal Ministero per indagare sulla situazione all’interno del reparto di genecologia e ostetricia dell’ospedale Santa Chiara di Trento dove Sara Pedri ha lavorato per diversi mesi prima di scomparire. Intanto continuano le ricerche della ginecologa 31enne originaria di Forlì all’interno del lago di Santa Giustina dove i cani molecolari avevano nei mesi scorsi individuato la presenza di un possibile cadavere.
A cura di Chiara Ammendola
338 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ultime notizie su Sara Pedri, ginecologa scomparsa a Trento

Le ricerche in corso in questi giorni nelle acque del lago di Santa Giustina potrebbero confermare l'ipotesi degli inquirenti sulla morte della giovane ginecologa di 31 anni originaria di Forlì e scomparsa il 4 marzo scorso da Cles, in Trentino. È qui che lo scorso marzo i cani molecolari avevano fiutato qualcosa non lontano dal ponte di Mostizzolo dove fu ritrovata l'auto della dottoressa: al suo interno i carabinieri della compagnia di Cles che stanno coordinando le indagini avevano trovato i  documenti, il cellulare e alcuni indumenti.

I cani hanno individuato tracce di Sara sul ponte di Mostizzolo

È proprio attraverso questi vestiti che gli inquirenti hanno ricostruito gli ultimi passi compiuti da Sara individuandone alcune tracce in prossimità di un dirupo alto una cinquantina di metri, che si trova nei pressi del torrente Noce. Il luogo è tristemente noto alle forze dell'ordine perché oggetto di numerosi suicidi. Le tracce di Sara sarebbero state individuate proprio lì e in un punto del lago di Santa Giustina dove gli animali da ricerca sono stati portati su un gommone dei pompieri. L'ipotesi è che là sotto le acque ci sia un cadavere, ma le tracce avvertite dai cani potrebbero riguardare altre persone. Le operazioni di perlustrazione del lago, però, non sono semplici a causa della scarsa visibilità dovuta al denso strato melmoso.

Arrivano al Santa Chiara gli ispettori inviati dal Ministero

Intanto è previsto per quest'oggi l'arrivo degli ispettori inviati dal ministero per indagare sulla situazione nel reparto di genecologia e ostetricia dell'ospedale Santa Chiara di Trento dove Sara Pedri ha lavorato per diversi mesi prima di scomparire e dove, secondo il racconto che la dottoressa aveva fatto a famigliari e amici, vi era un clima piuttosto pesante, quasi invivibile. Per questo i famigliari di Sara, dopo la sua scomparsa, hanno presentato diverse denunce che hanno portato all'apertura di un'inchiesta interna all'Apss e appunto all'arrivo degli ispettori inviati dal ministero che ora indagheranno sulla situazione nel reparto. Proprio nell'ospedale di Trento è rientrato ieri, dopo un periodo di ferie iniziato proprio con l'avvio della commissione d'inchiesta interna, il primario di ginecologia e ostetricia del Santa Chiara, Saverio Tateo.

338 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni