Ogni infermiere, secondo le linee guida sulla sicurezza, dovrebbe seguire non più di quattro pazienti; eppure la media negli ospedali pediatrici è di un solo infermiere ogni 6,6 paziente, quindi 2,6 in più rispetto agli standard. E' quanto denuncia la Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi), secono cui "per ogni paziente extra il rischio di mortalità a 30 giorni aumenta del 7%. Con due pazienti e mezzo in più arriva al 17-18%. Sommando poi i dati delle attività infermieristiche mancate, il rischio di mortalità per i bambini ricoverati arriva al 25-26%". "Sono dati che grazie alla buona volontà dei professionisti e alla capacità del management delle aziende non si sono realizzati, ma il livello di allarme è alto e di questo si deve tenere conto al momento della scelta delle politiche di programmazione".

Per Barbara Mangiacavalli, presidente di Fnopi, in Italia vi è "una carenza in aumento degli infermieri". La donna ha così commentato lo studio presentato stamattina in Senato, condotto da 12 aziende ospedaliere pediatriche aderenti all'Aopi, l'Associazione degli Ospedali pediatrici Italiani che aderisce alla Fiaso, la Federazione delle aziende sanitarie pubbliche. Stando alla ricerca degli studiosi del Gruppo di studio italiano RN4CAST@IT-Ped, il rapporto pazienti-infermiere dovrebbe essere di 3 o 4 a 1 nelle aree chirurgica e medica, di 1 o persino 0,5 per le aree critiche come terapie intensive e rianimazioni. Numeri molto distanti dalla realtà rilevata dall'indagine, che ha calcolato un rapporto di 5,93 per la chirurgia, 5,7 per quella medica e 3,55 per l'area critica.

La scarsità di personale sovente finisce per dover impegnare i già pochi infermieri in attività che non competerebbero loro: per esempio eseguire richieste di reperimento materiali e dispositivi, compilare moduli per servizi non infermieristici, svolgere attività burocratiche o più banalmente rispondere al telefono. Il report sottolinea che a causa del super lavoro il 32% degli infermieri è finito nell'area del "burnout", la sindrome da esaurimento emozionale che colpisce chi per professione si occupa delle persone. "I risultati dell'indagine, pur focalizzati su un aspetto particolare e delicato dell'assistenza com'è quella rivolta ai più piccoli, mostrano ancora una volta che senza il contributo fondamentale dei professionisti e di un management all'altezza, il nostro Servizio sanitario nazionale sarebbe già naufragato da un pezzo", ha dichiarato il Presidente di Fiaso, Francesco Ripa di Meana.