Delitto di Avetrana: l'omicidio di Sarah Scazzi
30 Giugno 2014
16:45

Sarah Scazzi: anche per la Cassazione Sabrina Misseri deve restare in carcere

I giudici della prima sezione penale della Cassazione hanno rigettato il ricorso degli avvocati di Sabrina Misseri che chiedevano la revoca della misura cautelare in carcere per la ragazza accusata e condannata in primo grado dell’omicidio ad Avetrana della cugina Sarah Scazzi.
A cura di Susanna Picone
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Delitto di Avetrana: l'omicidio di Sarah Scazzi

Sabrina Misseri, la giovane di Avetrana condannata in primo grado insieme alla madre Cosima Serrano per l’omicidio della cuginetta Sarah Scazzi, deve restare in carcere. La prima sezione penale della Cassazione ha infatti respinto il ricorso degli avvocati dell’imputata contro l’ordinanza con la quale il tribunale del Riesame di Taranto, lo scorso marzo, aveva confermato la custodia in carcere disposta dalla Corte d’assise di Taranto a carico della Misseri. Il sostituto procuratore generale della Corte di Cassazione Antonio Gialanella aveva chiesto, lo scorso venerdì, il rigetto del ricorso presentato dal professor Franco Coppi e dall’avvocato Nicola Marseglia. Gli avvocati di Sabrina Misseri, da parte loro, avevano chiesto la scarcerazione o gli arresti domiciliari per la loro assistita in quanto il suo sarebbe stato un delitto d’impeto: “Noi la riteniamo innocente – aveva detto al termine dell’udienza della scorsa settimana l’avvocato Coppi – ma comunque non sussistono esigenze cautelari, dopo quattro anni di carcere è sottoposta a un patimento inutile. I domiciliari andrebbero benissimo. È stato un delitto d’impeto, non si può parlare di rischio di reiterazione del reato”.

“Sabrina Misseri potrebbe avvicinare il padre Michele”

Secondo gli avvocati di Sabrina Misseri la giovane accusata di aver ucciso sua cugina Sarah sta male in carcere e non può commettere altri delitti né fuggire o inquinare le prove. Al contrario, secondo i magistrati la giovane potrebbe fuggire all’estero con l’aiuto di parenti e amici, potrebbe inquinare le prove e anche avvicinare il padre Michele Misseri, che più volte ha tentato di accusarsi della morte di Sarah Scazzi e che è stato condannato per soppressione di cadavere, fornendogli una versione del delitto più credibile. Sabrina Misseri potrebbe inoltre, secondo i magistrati tarantini, commettere nuovi reati vista l’efferatezza e i futili motivi del delitto di cui è accusata.

Caso Sarah Scazzi, negato permesso premio alla cugina Sabrina Misseri:
Caso Sarah Scazzi, negato permesso premio alla cugina Sabrina Misseri: "Socialmente pericolosa"
Caso Sarah Scazzi, per Strasburgo ammissibile il ricorso della difesa: che cosa significa
Caso Sarah Scazzi, per Strasburgo ammissibile il ricorso della difesa: che cosa significa
Valentina Misseri:
Valentina Misseri: "È stato mio padre a uccidere Sarah Scazzi, questo è un clamoroso errore giudiziario"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni