1.097 CONDIVISIONI
Omicidio Saman Abbas
28 Novembre 2022
19:24

Saman Abbas, generale Garofano a Fanpage: “Fidanzato potrebbe avere ruolo nel riconoscimento del corpo”

È stato recuperato il corpo di Saman Abbas. Secondo il procuratore capo di Reggio Emilia, la salma sarebbe “sostanzialmente integra” e avrebbe indosso gli stessi vestiti del giorno dell’interramento. Cosa accadrà dopo il ritrovamento del cadavere.
Intervista a Luciano Garofano
Generale di Brigata dei Carabinieri in congedo e per anni comandante dei Ris di Parma
A cura di Gabriella Mazzeo
1.097 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio Saman Abbas

È stato recuperato il corpo di Saman Abbas. Secondo il procuratore capo di Reggio Emilia, il cadavere "sostanzialmente integro" rinvenuto nei pressi di un casolare abbandonato a Novellara sarebbe quasi sicuramente della 18enne scomparsa nel maggio del 2021 dopo aver rifiutato un matrimonio combinato. Stando a quanto reso noto dagli inquirenti, il cadavere ha indosso gli abiti che portava al momento dell'interramento. Il corpo sarà ora oggetto di accertamenti medico-legali che si svolgeranno nei prossimi giorni a Milano.

Secondo quanto spiegato dal Generale di Brigata dei Carabinieri in congedo e per anni comandante dei Ris di Parma Luciano Garofano, il riconoscimento del corpo potrà essere effettuato tramite accertamenti medici e tramite l'intervento di una persona vicina alla 18enne scomparsa.

Generale, cosa accadrà dopo il ritrovamento del corpo?

Si lavorerà per il riconoscimento della salma. Dal punto di vista tecnico ci sono due aspetti da considerare: il primo è l'identificazione antropologica delle ossa, il secondo è il riconoscimento da parte di un familiare della povera Saman. Se il corpo è intero, gli accertamenti saranno più facili perché le possibilità di ricondurre la salma alla 18enne di Novellara saranno maggiori. Possiamo inoltre aspettarci l'intervento di un parente della vittima, come per esempio il fratellino.

Saman Abbas
Saman Abbas

Gli inquirenti ritengono che i genitori, lo zio e i cugini della ragazza abbiano progettato l'omicidio. In questo contesto pensare a un riconoscimento da parte della famiglia è più difficile?

Normalmente il riconoscimento viene fatto da parenti prossimi, qui siamo in condizioni limite perché si ritiene che i genitori siano mandanti o esecutori materiali del delitto. Da questo punto di vista la Procura ha due strade: la prima è una via soft che si basa su un processo antropologico con esami medico-legali, mentre la seconda riguarda l'intervento di qualcuno prossimo alla ragazza lontano dalle indagini. Non sappiamo a Novellara ci sono parenti non coinvolti, ma una mano potrebbe arrivare dallo stesso fidanzato di Saman. L'ipotesi è che si scelga di intrecciare le due strade. Se la povera Saman è ancora vestita, non escludo che saranno effettuati tentativi per individuare sugli abiti tracce estranee riconducibili agli indagati.

Il fidanzato di Saman potrebbe quindi essere di nuovo interpellato?

Assolutamente sì, certo.

Con il ritrovamento del cadavere possiamo dire che questo giallo è in via di risoluzione o siamo solo all'inizio?

Il ritrovamento del corpo ha messo fine a quest'assurda vicenda, adesso si potrà piangere questa povera ragazza e darle degna sepoltura. Dal punto di vista delle responsabilità invece il tutto è ancora da chiarire. Diventa sempre difficile quando le persone coinvolte si accusano vicendevolmente. Per questo bisognerà attendere che si concluda la parte relativa all'arresto dei responsabili e quella dell'estradizione in Italia di Shabbar Abbas. A quel punto bisogna sperare nella collaborazione delle parti ma è prematuro fare previsioni su quanto avverrà.

1.097 CONDIVISIONI
166 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni