"Auguri ovunque tu sia figlio mio". Attraverso i microfoni di Fanpage.it Carmela Spina, la madre di Salvatore Colletta, scomparso da Casteldaccia (Palermo) 27 anni fa, ha rivolto un dolcissimo pensiero al proprio figlio che oggi compirebbe 43 anni. Carmela, come tutta la famiglia, è convinta che suo figlio sia vivo e spera che un giorno posso tornare a casa. "Non devi aver paura di nulla, noi siamo qua, ti aspettiamo, torna" dice Carmela, pur restando convinta che qualcun altro altro a Casteldaccia ha la chiave di quel mistero lungo quasi 30 anni. "Di certo qualcuno sa – dice Carmela – ma non parla".

Salvatore Colletta, all'epoca 15 anni, è scomparso insieme all'amico 12enne Mariano Farina il 31 marzo 1992. I due ragazzi hanno marinato la scuola, ma nessuno sa cosa abbiano fatto quel giorno, di certo c'è solo che non tornarono più a casa e nessuno seppe niente di loro. A Casteldaccia, tuttavia, si è parlato per anni di un caso di lupara bianca. Voci di paese vogliono che i due ragazzini che giocavano nei pressi delle ville di Cateldaccia, abbiano visto qualcosa che non dovevano vedere. Il ritrovamento di un orologio che si ritiene essere appartenuto ai ragazzi nella villa che un tempo fu di Michele Greco, detto ‘il Papa’, all'epoca fresco di condanna all’ergastolo al maxi-processo del 1992, fece scattare le indagini dell'antimafia, che però non hanno portato ad alcun risultato.

Un'altra pista battuta è quella della fuga in America, dove Mariano aveva vissuto con la famiglia e dove avrebbe voluto ritornare. Anche negli States, dove il padre vive tutt'ora, non ci sono tracce dei due ragazzi.