2.205 CONDIVISIONI
12 Ottobre 2021
11:36

Prato, operai abbigliamento Dreamland in sciopero massacrati con mazze da baseball davanti alla polizia

Inferno a Prato: dieci manifestanti pachistani della ditta di abbigliamento Dreamland sono stati pestati da uomini cinesi armati di mazze da baseball e bastoni. Cinque i feriti, uno di loro in gravi condizioni. Al momento dell’aggressione, lunedì 11 ottobre pomeriggio, i lavoratori stavano protestando contro le condizioni di sfruttamento all’interno dell’azienda. Allo stato attuale non si conosce l’identità dei picchiatori, che sono arrivati e andati via in auto, senza venire fermati dalle forze dell’ordine.
2.205 CONDIVISIONI
Prato, pestaggi davanti alla Dreamland, 11 ottobre 2021
Prato, pestaggi davanti alla Dreamland, 11 ottobre 2021

Prato, 11 ottobre 2021. In via Galvani, di fronte all'azienda di pronto moda gestita da personale cinese Dreamland (abbigliamento) dieci manifestanti pachistani sono stati pestati da uomini cinesi armati di bastoni e mazze da baseball, durante uno sciopero. Cinque lavoratori sono rimasti feriti e uno di loro è in gravi condizioni. Appoggiati dal sindacato SiCobas, gli operai protestavano contro le condizioni di sfruttamento all'interno della Dreamland.

Proteste contro lo sfruttamento in azienda

Durante l'estate l'Ispettorato del Lavoro, in seguito alla denuncia di uno dei lavoratori pestati, aveva effettuato dei controlli speciali all'interno della ditta e aveva rilevato gravi irregolarità quali lavoro in nero, turni di 12 e 14 ore e assenza di ferie e tutele. Gli operai stavano manifestando contro questa situazione quando alcune automobili sono giunte sul posto con a bordo uomini cinesi armati di mazze e bastoni, che hanno iniziato a pestare i lavoratori disarmati.

Non è ancora chiaro se gli aggressori, tutti cinesi, fossero o meno legati alla Dreamland.  Sul posto erano presenti anche agenti della Digos che hanno ripreso l'intera scena. Il coordinatore del SiCobas di Prato Luca Toscano denuncia anche il non intervento delle forze dell'ordine. "Gli agenti della Digos, che erano circa quattro, si sono limitati a riprendere quello che stava succedendo senza intervenire nemmeno a parole. Non hanno letteralmente detto nulla". Secondo il racconto di Toscano nemmeno la polizia è intervenuta e, in seguito al pestaggio, gli aggressori se ne sono andati indisturbati a bordo delle loro auto.

Luca Toscano, coordinatore sindacale SiCobas di Prato
Luca Toscano, coordinatore sindacale SiCobas di Prato

Il più grave dei ricoverati è Altaf, che nel video è l'uomo steso a terra. L'uomo avrebbe perso i sensi durante i pestaggi e, stando alla testimonianza di Toscano, al suo risveglio nella tarda serata dell'11 ottobre non ricordava nulla dell'accaduto. Era stato proprio Altaf l'operaio che, a giugno scorso, aveva fatto scattare i controlli dell'Ispettorato del Lavoro denunciando le condizioni all'interno della Dreamland.

Controlli alla Dreamland

Insieme ad altre 64 aziende del circuito tessile pratese tutte soggette a controlli e perizie, la Dreamland ha subito delle sanzioni la scorsa estate, ma, secondo Luca Toscano, "le è bastato pagare la multa per tornare a pieno regime". "È questo il meccanismo che viene messo in atto regolarmente qui a Prato e che permette a questo circolo vizioso di continuare ad alimentarsi", denuncia Toscano.  "L'Ispettorato effettua i controlli, vengono rilevate gravi irregolarità, l'azienda subisce sanzioni ridicole, paga la multa grazie al suo mastodontico fatturato, e torna ad agire sfruttando i lavoratori come se niente fosse".

Non è la prima volta che Prato si trasforma nel teatro di pestaggi e violenze contro operai stranieri. A giugno dei lavoratori della ditta di stamperia tessile Texprint s.r.l. erano stati picchiati con dei mattoni dai rappresentati dell'azienda a conduzione cinese. Come nel caso della Dreamland, i lavoratori protestavano contro turni massacranti, ferie, infortuni e malattia non pagati e assenza di qualsiasi diritto garantito dalla Costituzione italiana.

2.205 CONDIVISIONI
Ordinanza Texprint, illegittimo il licenziamento di uno degli operai in sciopero: "Grande felicità"
Ordinanza Texprint, illegittimo il licenziamento di uno degli operai in sciopero: "Grande felicità"
Ordinanza Texprint, illegittimo il licenziamento di un operaio: gioia davanti al presidio
Ordinanza Texprint, illegittimo il licenziamento di un operaio: gioia davanti al presidio
Roma, studenti e polizia davanti al liceo Ripetta occupato
Roma, studenti e polizia davanti al liceo Ripetta occupato
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni