Ultime notizie sull'omicidio di Nada Cella
17 Novembre 2021
22:52

Omicidio Nada Cella, nuovo audio della super testimone: “Eravamo in 5, le altre non parlano”

Spunta un nuovo stralcio della telefonata anonima a casa di Marco Soracco, tre mesi dopo l’omicidio di Nada Cella: “Eravamo in diverse, io non so perché le altre non parlano”
A cura di Chiara Ammendola
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ultime notizie sull'omicidio di Nada Cella

"Ma pensa un po' che il sospetto mi è venuto al pomeriggio quando l'ho saputo… E ho detto ‘Madonna, ma dici che questa mattina ‘quella’ è andata a fare una cosa così?’. Poi abbiamo parlato con qualche ragazza tra noi ha detto sì, che ha l’ardire, quando dice ‘ti spacco la testa in due'”. Si la conoscono signora. È che stanno tutte zitte. Le altre stanno tutte zitte ma eravamo diverse. Io non faccio nomi ma eravamo diverse, io non so perché le altre non parlano. Eravamo in cinque". Sono queste le parole pronunciate dalla super testimone dell'omicidio di Nada Cella, uccisa a 24 anni nello studio di Chiavari dove lavorava come segretaria il 6 maggio 1996, nell'audio diffuso quest'oggi dalla Procura di Genova. Si tratta di un nuovo estratto della telefonata effettuata da una donna, rimasta anonima, a casa di Marco Soracco, che asseriva di aver visto la principale sospettata e ad oggi unica indagata dell'omicidio, l'ex insegnante Annalucia Cecere, sporca di sangue sotto lo studio del commercialista e datore di lavoro di Nada.

L'appello della madre di Nada Cella: Non abbia paura, si faccia avanti

L'intercettazione telefonica, diffusa dagli inquirenti con lo scopo di rintracciare la donna che effettuò la chiamata anonima, risale al 9 agosto 1996, circa tre mesi dopo il delitto ed è ora elemento di indagine. Audio che ha spinto la madre di Nada Cella, Silvana, a fare un appello proprio alla donna che tanti anni fa ha fatto queste telefonate anonime: "Non abbia paura, si faccia avanti…. lei e le altre di cui parla". Nello stralcio precedente, la stessa voce anonima, raccontava di aver visto una donna uscire dal portone dell’omicidio il giorno del delitto nascondendo qualcosa nel suo scooter e risultando sporca di sangue: "L'ho vista che andava via col motorino, l'ho vista tutta sporca che metteva tutto sotto la sella. L'ho salutata e manco mi ha guardata. Le dico la verità. L'ho vista quindici giorni fa nel carruggio e non mi ha nemmeno guardata".

Le analisi sulle tracce di sangue trovate sullo scooter di Annalucia Cecere

E la possibile svolta all'indagine per omicidio riaperta dopo 25 anni potrebbe arrivare proprio grazie al motorino dell'indagata che gli inquirenti hanno sequestrato nei giorni scorsi e sul quale sono state trovate tracce di sangue. Le analisi ordinate dalla Procura chiariranno a chi appartengono quelle tracce: gli uomini della scientifica dovranno infatti eseguire alcune analisi irripetibili per estrarre il Dna. Lo scooter, immatricolato negli anni Novanta, è stato sequestrato nelle scorse settimane alla Cecere che lo teneva in un box a Boves, dove vive oggi. Annalucia Cecere, oggi 53enne, è indagata con l'accusa di omicidio di Nada Cella, mentre il commercialista Marco Soracco e la madre Marisa Bacchioni sono indagati per false testimonianze rese al pm.

Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni