Covid 19
7 Dicembre 2022
11:48

Nuovo aumento dei ricoveri Covid in Italia, +26% al Sud e tra no vax: il report Fiaso

Secondo il report Fiaso, la Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere, del 6 dicembre, in Italia c’è un nuovo balzo dei ricoveri Covid: +15% nei reparti ordinari e in terapia intensiva. Più pazienti al Sud e tra no vax: “Per gli anziani rinnovare l’invito alla quarta dose di vaccino”.
A cura di Ida Artiaco
Terapia intensiva, Covid.
Terapia intensiva, Covid.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Nuovo balzo dei ricoveri Covid in Italia, che aumentano del 15% rispetto alla settimana scorsa: è quanto emerge dal nuovo report Fiaso, la Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere, effettuato sulla base dei dati degli ospedali sentinella.

Stando al dossier del 6 dicembre, la percentuale di crescita è pressoché uguale sia per i reparti ordinari (+15,8%) sia per le terapie intensive (+15,1%). Ad aumentare, però, sono soprattutto i pazienti con Covid, ovvero coloro che arrivano in ospedale per curare altre patologie e vengono trovati positivi al tampone pre-ricovero: in una settimana i pazienti con Covid sono saliti del 19% mentre i per Covid, cioè coloro che hanno sviluppato la malattia tipica con sindromi respiratorie e polmonari, subiscono un incremento del 9%.

Situazione completamente opposta, invece, nelle rianimazioni Covid dove l'84% dei ricoverati è per Covid ed è in gravi condizioni con sintomi respiratori e polmonari: di questi – è importante sottolineare – una significativa quota pari al 28% è no vax. Solo la restante parte del 16% dei ricoverati è in terapia intensiva con Covid.

Inoltre, l'aumento dei ricoveri ospedalieri è maggiore al Sud (+26%) rispetto al Centro Italia (+18%) e al Nord (+9%).

"La circolazione del virus – ha commentato il presidente Fiaso, Giovanni Migliore – è in aumento come avviene normalmente nella stagione invernale ma al momento non ci sono segnali di preoccupazione: gli ospedali, dopo due anni di emergenza, sono ormai organizzati per affrontare la situazione e il numero di pazienti che sviluppano conseguenze gravi è ridotto grazie soprattutto alle difese offerte dal vaccino. La fase pandemica è alle spalle e il Covid è diventato endemico".

Ma, è l'appello che ha rivolto Migliore, "in rianimazione ci sono per lo più fragili con altre patologie e anziani con un'età media di 71 anni eppure il 28% risulta non vaccinato: è a loro che va rinnovato l’invito alla somministrazione della quarta dose vaccinale con l’auspicio che la campagna appena rilanciata dal Ministero della Salute possa incrementare le adesioni".

Per quanto riguarda i pazienti pediatrici, la crescita dei ricoverati è più lieve: +4,5%. Per l'82% dei casi si tratta di bambini molto piccoli di età compresa tra 0 e 4 anni.

32440 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni