115 CONDIVISIONI
Covid 19
15 Ottobre 2021
09:00

Monitoraggio Iss Covid, sale l’indice Rt a 0,85 ma crolla l’incidenza: 3 regioni a rischio moderato

Secondo i dati del monitoraggio settimanale della Cabina di Regia, aumenta leggermente l’indice Rt in Italia, da 0,83 a 0,85, mentre scende a 29 casi ogni 100mila abitanti l’incidenza. Marche, Molise e Valle d’Aosta sono le regioni a rischio moderato, bene la pressione sugli ospedali con riduzione dei posti occupati in terapia intensiva e area medica.
A cura di Ida Artiaco
115 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Continuano a migliorare di dati dell'emergenza Covid-19 in Italia. Lo confermano i dati del monitoraggio settimanale della situazione epidemiologica realizzato dalla Cabina di Regia. Nonostante un lieve aumento dell'indice Rt di trasmissione del contagio, oggi a 0,85 dallo 0,83 della scorsa settimana, quindi ancora al di sotto della soglia epidemica, crolla l'incidenza: 29 casi per 100mila abitanti nel periodo compreso tra il 4 e il 10 ottobre 2021, rispetto ai 34 per 100mila abitanti dello scorso monitoraggio.

Quali sono le regioni a rischio moderato Covid

Tre Regioni risultano questa settimana classificate a rischio moderato, rispetto alle 4 Regioni e Province autonome (PPAA) della scorsa settimana. Si tratta di Marche, Molise e Valle d'Aosta. Le restanti 18 Regioni e Province autonome risultano classificate a rischio basso. Due Regioni/PPAA, inoltre, riportano un'allerta di resilienza legata ai servizi sanitari territoriali (PA Bolzano e Sardegna). È in diminuzione anche il numero di nuovi casi di Covid-19 non associati a catene di trasmissione (4.551 contro i 5.903 della settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l'attività di tracciamento dei contatti è invece in lieve aumento (34% contro il 33% la scorsa settimana). È stabile la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (47% vs 47%).

Scende la pressione ospedaliera

Nell'ultima settimana "si conferma una ulteriore lieve diminuzione del tasso di occupazione di posti letto in area medica e terapia intensiva associati alla malattia Covid-19". È quanto si legge nella bozza del report settimanale di monitoraggio di ministero della Salute e Iss. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è in diminuzione al 4,1% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute del 12/10/2021), con una lieve diminuzione del numero di persone ricoverate da 433 (5/10/2021) a 370 (12/10/2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale diminuisce al 4,6%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in diminuzione da 2.968 (5/10/2021) a 2.665 (12/10/2021).

Le raccomandazioni Iss: "Continuare a vaccinare"

"La variante Delta rappresenta la quasi totalità dei casi in Italia. Questa variante è anche dominante nell'intera Unione Europea ed è associata ad una maggiore trasmissibilità. Una più elevata copertura vaccinale, il completamento dei cicli di vaccinazione ed il mantenimento di una elevata risposta immunitaria, in particolare nelle categorie a rischio, rappresentano gli strumenti principali per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenuta da varianti emergenti": sono queste le raccomandazioni di Iss e Ministero della Salute per continuare a mantenere bassa la curva epidemica. "È opportuno – ha segnalato ancora la Cabina di regia – continuare a garantire un capillare tracciamento, anche attraverso la collaborazione attiva dei cittadini per realizzare il contenimento dei casi; mantenere elevata l’attenzione ed applicare e rispettare misure e comportamenti raccomandati per limitare l’ulteriore aumento della circolazione virale".

115 CONDIVISIONI
28311 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni