Terreno sequestrato a Segrate

Gli agenti del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Milano, in collaborazione con la Polizia Provinciale del capoluogo lombardo, hanno scoperto una discarica abusiva situata alle porte della città. A Segrate, infatti, il terreno denominato ‘area ex dogana' veniva utilizzato come una discarica abusiva. L'appezzamento è stato posto sotto sequestro dopo il sopralluogo dei militari, su disposizione dell'autorità giudiziaria. La Lucchini-Artoni, una società milanese che operava nel settore delle demolizioni e del movimento terra, aveva in gestioni grandi quantità di rifiuti speciali che seppelliva, sistematicamente, nel terreno milanese.

Attraverso l'operazione ‘Sotto sopra‘, gli inquirenti hanno scoperto che la società seppelliva tali rifiuti nell'area che si estende per 30 mila quadrati: a finire sotto terra, anche fresato d'asfalto. Il terreno, però, in un primo momento, avrebbe dovuto ospitare un centro commerciale. Sequestrati oltre al terreno, anche sette automezzi pesanti, che venivano utilizzati per il trasporto, il carico e lo scarico del materiale illecito. Al momento, sono indagati il legale della società e Vincenzo Bianchi, presidente del Cda.