114 CONDIVISIONI
Delitto di Avetrana: l'omicidio di Sarah Scazzi

Michele Misseri non torna ad Avetrana, il legale a Fanpage.it: “Teme che qualcuno possa fargli del male”

È tornato libero Michele Misseri, zio di Sarah Scazzi condannato a 8 anni di reclusione per la soppressione del cadavere della nipote 15enne e inquinamento di prove. L’uomo non è però tornato ad Avetrana come inizialmente previsto. “Ha scelto di restare fuori dal paese – ha spiegato a Fanpage.it l’avvocato La Tanza – per evitare pressioni mediatiche. Teme inoltre che qualcuno possa fargli del male”
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Gabriella Mazzeo
114 CONDIVISIONI
Michele Misseri
Michele Misseri
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Delitto di Avetrana: l'omicidio di Sarah Scazzi

Non è tornato ad Avetrana Michele Misseri, uscito dal carcere l'11 febbraio. Lo zio di Sarah Scazzi, la 15enne uccisa nell'agosto del 2010 nella villetta degli zii in provincia di Taranto, è tornato in libertà dopo 8 anni di carcere per soppressione di cadavere. Misseri avrebbe dovuto tornare nella sua casa di Avetrana, lì dove è stata uccisa la 15enne. Per la sua morte sono state condannate all'ergastolo Cosima Serrano e Sabrina Misseri, rispettivamente zia e nipote dell'adolescente. Secondo l'accusa, Misseri avrebbe confessato di aver assassinato la 15enne solo per coprire le familiari, fornendo versioni discordanti su quanto accaduto.

Dopo essere uscito dal carcere di Lecce e dopo la fuga di notizie sul suo ritorno in libertà, Misseri ha scelto di non tornare ad Avetrana, almeno per un po'. "Vuole evitare le pressioni mediatiche – ha spiegato a Fanpage.it l'avvocato Luca La Tanza, che in questi anni si è occupato della sua difesa -. Per questo motivo ha ritenuto di non tornare, almeno per il momento, nella villetta di Avetrana".

omicidio scazzi
La villetta di Avetrana

Oltre al timore di pressioni mediatiche davanti al cancello della villetta di Avetrana, Misseri avrebbe evitato il ritorno nella casa familiare per paura di ritorsioni. "Michele Misseri – ha ribadito l'avvocato – ha scelto di non tornare perché ha paura che qualcuno possa aggredirlo e fargli del male".

Durante un'intervista precedentemente rilasciata a Fanpage.it, il legale La Tanza aveva affermato che Michele Misseri avrebbe voluto fare ritorno ad Avetrana per riprendere a lavorare i suoi campi. "Nessuno se ne è più occupato dal giorno dell'arresto" aveva raccontato al telefono. Durante la detenzione in carcere, Misseri aveva continuato a scrivere lettere alla figlia Sabrina e alla moglie Cosima, che però non gli hanno mai risposto. 

Secondo la Cassazione, contro le due donne Sabrina Misseri e Cosima Serrano non ci sono gravi indizi di colpevolezza
Le due donne condannate all'ergastolo per il delitto di Avetrana

"Continua a dichiararsi colpevole dell'omicidio di Sarah – aveva continuato l'avvocato della difesa – ma lo fa perché sa che nella ricostruzione della procura ci sono dei piccoli buchi temporali che gli permettono di portare avanti questa versione dei fatti. Lo dice forse spinto dal senso di colpa nei confronti della moglie e della figlia".

114 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni