641 CONDIVISIONI
Covid 19
16 Giugno 2022
11:08

È morto Mario, aveva ottenuto il via libera per il suicidio medicalmente assistito

Dopo che gli è stata consegnata la strumentazione necessaria, Mario (nome di fantasia) si è potuto spegnere in modo dignitoso. Si tratta della prima volta in cui viene applicato il suicidio assistito legale.
A cura di Giacomo Andreoli
641 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Mario (nome di fantasia) ha potuto finalmente mettere fine alla sua vita in modo dignitoso. L'uomo, 44enne marchigiano tetraplegico da 12 anni, dopo un incidente stradale, è la prima persona in Italia che applica la sentenza Cappato – Dj Fabo della Consulta del 2019 sul suicidio assistito legale. Questo dopo che stamattina gli sono stati consegnati la strumentazione e il farmaco necessari a morire. In seguito alla morte è stata poi rivelata l'identità dell'uomo, finora nascosta: il suo vero nome è Federico Carboni.

A prendersi caro della consegna di apparecchiature e farmaco è stata l'Associazione Luca Coscioni che, grazie a una "straordinaria mobilitazione", ha raccolto in poche ore 5mila euro sul web per aiutare Mario a reperire la strumentazione, che non era nella disponibilità della sanità marchigiana.

"In assenza di una legge – spiega l'Associazione – lo Stato italiano non si è fatto carico dei costi dell'assistenza al suicidio assistito e dell' erogazione del farmaco". In effetti la proposta di legge per applicare a tutti gli effetti la sentenza della Corte costituzionale dopo tre anni è ancora ferma in Parlamento, osteggiata dal centrodestra. "Grazie a tutti – ha detto soddisfatto Mario prima di spegnersi – per avere coperto le spese del ‘mio' aggeggio, che poi lascerò a disposizione dell'Associazione Luca Coscioni per chi ne avrà bisogno dopo di me. Continuate a sostenere questa lotta per essere liberi di scegliere".

Dopo un lungo iter che ha visto prima il "no" dell'Azienda Sanitaria Unica Regionale Marche (ASUR), poi una prima e una seconda decisione definitiva del Tribunale di Ancona e ancora due diffide legali all'ASUR Marche, Mario lo scorso novembre aveva finalmente ottenuto il parere positivo del Comitato etico delle Marche. A febbraio era arrivata la scelta del farmaco: il tiopentone. Ora, dopo la raccolta fondi, l'uomo si è visto riconosciuto un diritto inserito a tutti gli effetti dalla Consulta nel diritto italiano.

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha spiegato che "non è ipotizzabile che i costi siano a carico del paziente" e che su questo aspetto "il Governo, laddove ve ne sia bisogno, non farà mancare un tempestivo chiarimento e intervento". Ma per ora non è stato previsto alcun risarcimento per Mario.

641 CONDIVISIONI
31624 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni