203 CONDIVISIONI
Covid 19
9 Dicembre 2021
16:56

Magrini (AIFA): “Il vaccino anti Covid potrebbe essere annuale come quello per l’influenza”

Nicola Magrini, direttore generale dell’AIFA: “Il modello teorico può essere quello della vaccinazione antinfluenzale con richiami annuali”.
A cura di Davide Falcioni
203 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Per ulteriori dosi booster" di vaccino anti-Covid "si prenderanno in considerazione tutte le evidenze scientifiche rispetto anche al declino dell’immunità, su cui sono in corso vari studi. Il modello teorico può essere quello della vaccinazione antinfluenzale con richiami annuali". A dirlo Nicola Magrini, direttore generale dell'Agenzia Italiana del Farmaco, intervenuto oggi pomeriggio in audizione in commissione Sanità del Senato. Parlando della vaccinazione per i bambini il dirigente sanitario ha affermato che la priorità andrà "ai bimbi più fragili, ma la vaccinazione è intesa per tutta la fascia 5-11 anni". L'ipotesi che ogni anno verrà effettuata una dose di richiamo di vaccino contro il Covid-19 prende dunque sempre più forma dopo le evidenza che mostrano un sensibile calo dell'efficacia contro il contagio dopo circa 5/6 mesi; sarà necessario, comunque, accertare quale sarà la protezione conferita dalla terza dose che si sta somministrando a tutta la popolazione in questi mesi e soprattutto verificare le performance dei vaccini attualmente approvati nei confronti della variante Omicron.

Magrini: "Rischio molto raro di miocarditi nei bambini"

Magrini ha insistito sulla necessità di vaccinare anche i più piccoli: "Sebbene l’infezione Covid abbia un decorso più benigno tra i bambini, in alcuni casi può sviluppare conseguenze gravi sia a breve che a lungo termine, ad esempio la sindrome multisistemica che può portare al ricovero in intensiva. Lo studio registrativo sui vaccini mostra l’elevato livello di efficacia del vaccino e ci sono benefici anche di altra natura come la possibilità di frequentare la scuola. Sulla base di ciò la commissione Cts Aifa ha approvato il vaccino per questa fascia nell’uso esclusivo della formulazione pediatrica". Il direttore generale dell'Aifa ha rassicurato anche sulla sicurezza del vaccino sui minori: "La valutazione delle reazioni ai vaccini Covid avviene da uno scambio di informazioni a livello globale. Al momento dell’approvazione di Ema e Aifa" del vaccino per i bambini tra 5 e 11 anni, "in Usa erano stati già vaccinati 3,5 milioni di bambini senza segnali di allarme in questo periodo, e si è tenuto conto anche dei dati di Israele. Il fenomeno delle miocarditi è attenzionato da Ema, che ha reso noto i dati per gli over12 e indica un rischio molto raro di miocarditi per i vaccini a mRna nell’ordine di uno ogni 20mila soggetti circa".

203 CONDIVISIONI
31057 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni