Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Probabilmente un attimo di distrazione degli adulti durante il bagnetto nella piscina e lui è finito con la testa sott'acqua senza più riuscire e riemergere per diverso tempo. È il drammatico incidente che nelle scorse ore ha colpito un bambino di soli 2 anni in Versilia. Il piccolo ha rischiato di annegare in pochi centimetri di acqua in una piscina gonfiabile installata nel giardino di casa e ora è ricoverato in condizioni gravissime all’ospedale pediatrico Opa di Massa Carrara. L'episodio nel tardo pomeriggi di giovedì, intorno alle 19. Secondo una prima sommaria ricostruzione dell'accaduto, il piccolo stava giocando all'interno di una piccola piscina gonfiabile allestita nel giardino della loro casa a Torre del Lago, in provincia di Lucca quando è avvenuto il fatto.

Il bimbo era in compagnia di cuginetto e fratellino ed era controllato dagli adulti che ad un certo punto hanno imposto ai piccoli di uscire dall'acqua per asciugarsi. A questo punto un attimo di distrazione e il più piccolo è riusciti a sfuggire al controllo rituffandosi da solo nella piscina. Erano pochi centimetri di acqua ma il bimbo non è riuscito a rimanere a galla. Quando i genitori se ne sono accorti era già in gravi difficoltà e in stato di asfissia. I parenti  hanno subito allertato il 118 e in poco tempo i sanitari sono accorsi sul posto avviando le prime manovre rianimatorie. Il piccolo è stato stabilizzato ma è andato in arresto cardiaco e le sue condizioni sono apparse subito disperate. Vista la gravità della situazione è stato fatto intervenire anche un elicottero di soccorso che ha provveduto poi al trasporto immediato all'Opa di Massa dove ora si trova ricoverato attaccato alle macchine e in condizioni gravissime. Sul caso è stata aperta una inchiesta.