15 Settembre 2017
15:31

Libia: ci sarà una missione italiana nel Sud del Paese

Accordo firmato durante una riunione del Comitato italo-libico che ha il compito di attuare il memorandum siglato dai due Paesi.
A cura di A. P.

L'Italia sarà ufficialmente a capo di una missione sul territorio libico con propri uomini e mezzi che saranno dislocati in zona nei prossimi mesi. È quanto prevede una intesa firmata nella mattinata di venerdì al Viminale durante una riunione del Comitato italo-libico che ha il compito di attuare il memorandum siglato dai due Paesi lo scorso 2 febbraio e che ha già visto l'invio di forze navali militari italiane nell'area. La fase iniziale della missione, così come previsto dall'accordo firmato per l'Italia dal ministro dell'interno Marco Minniti, avrà il compito di realizzare una base logistica in Libia che servirà da appoggio per le operazioni in zona.

L'area identificata è quella nel Sud del Paese nordafricano, in particolare ai confini meridionali libici, proprio per aiutare il governo locale nel controllo dei confini Sud, come prevede l'accordo base trai due Paesi. La base servirà principalmente per le attività operative della Guardia di confine libica ma servirà anche come punto di appoggio per un'adeguata presenza delle organizzazioni delle Nazioni Unite sul territorio.

"L’Italia nelle prossime settimane, invierà consistenti aiuti di emergenza per le comunità del territorio attraverso i canali istituzionali delle Autorità libiche. Sono stati constatati i progressi realizzati dalle Autorità libiche e segnatamente dalla Guardia costiera nel salvataggio di vite umane a mare, che hanno ad oggi superato il numero di 13.500″ spiegano dal Viminale assicurando che l'Oim e l'Onu accelereranno il processo di selezione dei migranti sul territorio per assicurare il trasferimento di chi ne ha diritto in Paesi terzi europei ed extra europei, anche attraverso la riunificazione familiare.

Alla riunione al Ministero dell'interno per i libici ha partecipato una delegazione composta da rappresentanti del Ministero dell'Interno, della Difesa e degli Affari Esteri, guidata dal Vice Ministro dell’Interno Ashour. Erano presenti però anche l’Ambasciatore italiano Giuseppe Perrone, Presidente del Comitato, e S.E. A.H Elmaghur, incaricato d'Affari presso l'Ambasciata di Libia in Italia, oltre a rappresentanti della Commissione europea, del Servizio Europeo per l'azione esterna, del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, del Ministero della Difesa, del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, del Comando Generale della Guardia di Finanza e delle Agenzie ONU.

Perché per le mamme italiane non c’è nulla da festeggiare (soprattutto al Sud)
Perché per le mamme italiane non c’è nulla da festeggiare (soprattutto al Sud)
Mariupol in mano ai russi, 260 militari lasciano Azovstal: "Missione finita"
Mariupol in mano ai russi, 260 militari lasciano Azovstal: "Missione finita"
1 di Videonews
Poste Italiane compie 160 anni, il Presidente Mattarella: "La storia del gruppo è storia d'Italia"
Poste Italiane compie 160 anni, il Presidente Mattarella: "La storia del gruppo è storia d'Italia"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni