1.026 CONDIVISIONI
Coronavirus
29 Aprile 2021
18:22

Le terapie intensive in Italia sull’orlo della soglia critica: la situazione regione per regione

Cala la pressione sugli ospedali italiani per l’emergenza Coronavirus. Secondo il bollettino di oggi, giovedì 29 aprile, si registrano -71 pazienti Covid in terapia intensiva rispetto al giorno precedente. Tuttavia, a livello nazionale si è ancora sull’orlo della soglia critica del 30%, con situazioni molto varie tra le Regioni: ecco quelle in cui la percentuale di saturazione è più alta.
A cura di Ida Artiaco
1.026 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Migliora la pressione sugli ospedali italiani. Il calo dei ricoveri in area medica e in terapia intensiva si conferma ancora oggi: ne sono -71 in area critica e addirittura -509 in area medica, secondo quanto emerge dal bollettino di giovedì 29 aprile del Ministero della Salute. Tuttavia, a livello nazionale le terapie intensive sono ancora sull'orlo della soglia critica di occupazione dei posti letto del 30% individuata dal decreto del Ministro della Salute del 30/4/2020. Secondo i dati di Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, aggiornati al 28 aprile 2021, la percentuale di saturazione è al momento ferma proprio al 30% per il secondo giorno consecutivo. Addirittura, con l'ultimo aggiornamento del 29 aprile, appena pubblicato, le terapie intensive occupate sono ora il 29% del totale. Sono passati 50 giorni da quando, il 9 marzo, il tasso era schizzato sopra i parametri, per arrivare al 40% e poi scendere lentamente.

Ma la situazione è molto diversa da regione a regione.

Le regioni in cui le terapie intensive sono oltre la soglia critica

Come abbiamo visto, a livello nazionale le terapie intensive sono occupate al 30%, dunque al limite della soglia d’allerta fissata al 30%. Ma la situazione varia molto su base regionale. Stando ai dati aggiornati sul sito di Agenas al 29 aprile. Tra quelle in cui la pressione è più forte ci sono la Lombardia, con i posti letto occupati in area critica al 39%, e la Toscana, che fa segnare il 41%, stabile rispetto a ieri. Segue la Puglia, con le TI piene al 39%, quindi ancora nove percentuali oltre la soglia critica, ma dove a destare preoccupazione sono anche i ricoveri in area medica: qui i posti letto occupati raggiungono il 45%, mentre la soglia critica è fissata al 40%. E poi ancora, troviamo le Marche (33%), il Piemonte (35%), l'Emilia Romagna (31%), il Lazio (31%) e la Calabria (31%). Leggermente al di sotto della soglia di guardia c'è la Liguria (30%). La provincia autonoma di Bolzano è quella che invece fa segnare la percentuale migliore: solo il 3%.

La pressione ospedaliere nel bollettino di oggi

Secondo quanto emerge dal bollettino di oggi, giovedì 29 aprile, del Ministero della Salute, sono -71 i posti letto occupati in terapia intensiva in Italia rispetto a ieri, per un totale di 2.460. Gli ingressi oggi in reparto sono stati 129. È il Veneto la regione che ha fatto segnare il maggior numero di ingressi giornalieri (+18), seguito da Lombardia e Campania (+17). Ma zero ingressi sono stati registrati nelle province autonome di Trento e Bolzano, in Basilicata, Molise e Valle d'Aosta. In calo anche i posti occupati in area medica: nelle ultime 24 ne sono stati 509 rispetto al giorno precedente, per un totale di 19.351.

1.026 CONDIVISIONI
27067 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni