Luca Attanasio, l'ambasciatore ucciso in Congo
21 Febbraio 2022
12:11

L’ambasciatore in Congo Luca Attanasio è stato “ucciso per 50mila dollari”

Chiuse le indagini sulla morte di Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci. Per la procura di Roma si è trattato di un rapimento a scopo di estorsione finito male.
A cura di Biagio Chiariello
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Luca Attanasio, l'ambasciatore ucciso in Congo

Sono morti per 50.000 dollari. L'ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci, uccisi un anno fa insieme all’autista Mustafà Milambo a Goma, sul confine orientale del Congo, sono stati vittima di un rapimento a scopo di estorsione finito nel sangue. Il gruppo di banditi che assalì il convoglio, in base a quanto emerge dalle carte dell'indagine della Procura di Roma, aveva chiesto quella cifra ma i passeggeri non avevano quel denaro e l'imboscata si è trasformata nel tragico tentativo di sequestro a scopo di estorsione.

L'inchiesta della magistratura capitolina è a carico di Rocco Leone, vicedirettore del Pam, il Programma alimentare dell'Onu, e del suo collaboratore locale Mansour Rwagaza. Entrambi sono accusati di omicidio colposo per non aver rispettato i protocolli di sicurezza nella preparazione del viaggio.

"Ci hanno intimato di consegnare i soldi – ha raccontato Rwagaza -. Volevano 50mila dollari, altrimenti ci avrebbero portati via nella foresta e poi avrebbero chiesto un riscatto". "Ho dato tutto quello che avevo, 300-400 dollari e il mio telefonino", sostiene Leone, "anche l'ambasciatore ha cominciato a togliersi le cose che aveva indosso, sicuramente il portafogli e forse l'orologio".

Il commando ha quindi spinto gli ostaggi verso il bosco: "Ho detto a Iacovacci di stare calmo e di non prendere la pistola, forse gliel'ha detto anche l'ambasciatore. Quando abbiamo cominciato il percorso, gli assalitori si sono agitati. Ci chiedevano di correre veloci, la foresta era difficile da penetrare e correre. A circa due chilometri ho sentito degli spari diversi dall'Ak 47", continua Rwagaza.

"Gli assalitori hanno cominciato a rispondere al fuoco. Erano totalmente nel panico perché hanno capito che era l'esercito. Poi c'è stato un minuto di silenzio ed è successo il peggio. Ho visto che gli assalitori sparavano contro la guardia del corpo e l'ambasciatore, hanno tirato quattro colpi contro di loro".

Il carabiniere Iacovacci è morto sul colpo. Attanasio qualche ora dopo, mentre veniva trasportato in ospedale. A un anno di distanza, le autorità congolesi hanno arrestato sette presunti sequestratori, che avrebbero confessato confermando nella sostanza la versione delle vittime superstiti dell’agguato.

Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni