444 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
9 Maggio 2022
11:49

9 maggio, TV russa nel mirino degli hacker: nomi dei programmi cambiati con messaggi contro la guerra

Hacker in azione contro la TV russa nel Giorno della Vittoria. Sui principali canali d’informazione russi come Rossiya 1, Ntv Plus e Pervyi Kanal, il nome di ogni programma è stato caambiato con messaggi diretti alla popolazione: “Sulle vostre mani vi è il sangue di migliaia di ucraini”.
A cura di Ida Artiaco
444 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

La TV russa è entrata da questa mattina nel mirino degli hacker, che hanno fatto comparire in onda messaggi contro la guerra in Ucraina. "Sulle vostre mani vi è il sangue di migliaia di ucraini e delle centinaia di loro figli uccisi. Le televisioni e le autorità stanno mentendo. No alla guerra", si è letto sui principali canali d'informazione russi come Rossiya 1, Ntv Plus e Pervyi Kanal sulle smart TV. Il nome di ogni programma, accanto all'orario di messa in onda, è stato cambiato con una frase diretta al popolo russo nel giorno in cui, per altro, si celebra il V-Day, l'anniversario della vittoria dell'Armata Rossa sui nazisti tedeschi durane la Seconda Guerra mondiale. L'attacco è avvenuto proprio poco prima che cominciasse la diretta della grande parata in programma dalla Piazza Rossa.

A ricondividere il video del giornalista della BBC Francis Scarr che mostra l'operazione telematica c'è anche Anonymous su Twitter. "Buongiorno Mosca, Buongiorno Odessa", è il messaggio che accompagna le immagini. Non c'è stata al momento alcuna rivendicazione dell'attacco telematico, ma potrebbe essere come in altre occasione un'operazione portata avanti da più gruppi di hacker, tra cui anche Anonymous, che già in precedenza non solo aveva colpito la TV di stato russa trasmettendo filmati della guerra ma anche il servizio televisivo interno del Cremlino minacciando i dirigenti di svelare tutti i segreti sull'operazione in corso.

444 CONDIVISIONI
2590 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni