3 Maggio 2021
12:03

La proposta della Commissione Ue per far tornare subito i turisti stranieri in Europa

La Commissione europea ha preparato una proposta per permettere ai turisti provenienti da Paesi extra Ue di tornare a viaggiare nel vecchio continente. Libero accesso ai vaccinati e una riformulazione del criterio che determina quali Paesi sono a basso rischio epidemiologico (da cui possono arrivare persone in viaggi non essenziali). La proposta dovrà essere discussa e approvata dal Consiglio, mentre Ursula Von der Leyen annuncia: “È ora di far rinascere l’industria del turismo e di riaccendere le amicizie transfrontaliere in sicurezza”.
A cura di Tommaso Coluzzi

È tempo di tornare a viaggiare. Ursula Von der Leyen lo dice chiaramente in un tweet con cui presenta una proposta della Commissione europea per far ripartire i viaggi non essenziali nel vecchio continente. L'obiettivo è far riprendere un settore fondamentale in tutta Europa: il turismo. Visto quanto sta accadendo nel mondo, dove ci sono sia casi drammatici dove il contagio da Covid è riesploso sia casi in cui la campagna di vaccinazione è quasi alle battute finali, per la Commissione c'è bisogno di aggiornare le linee guida per i viaggi nell'Unione. I viaggi essenziali sono sempre garantiti, ma quelli non essenziali sono stati fondamentalmente bloccati. La proposta, lanciata da Von der Leyen, si divide in due filoni principali: riaprire ai vaccinati e ai cittadini che arrivano da Paesi a basso rischio (alzando però l'attuale livello).

"È ora di far rinascere l'industria del turismo e di riaccendere le amicizie transfrontaliere in sicurezza – ha twittato la presidente della Commissione Ue – Ci proponiamo di accogliere nuovamente i visitatori vaccinati e quelli provenienti da Paesi con una buona situazione di salute". Poi ha precisato: "Ma se emergono nuove varianti dobbiamo agire in fretta", perciò "proponiamo un meccanismo di frenata di emergenza dell'Ue". La proposta della Commissione consiste nel permettere di tornare a varcare le frontiere dell'Unione a quei visitatori che verrebbero in Europa per motivi non essenziali, quindi, sostanzialmente, turisti o comunque persone in visita di piacere. Lo stop d'emergenza consiste nella immediata sospensione dell'arrivo di cittadini extracomunitari da Paesi dove la situazione epidemiologica peggiora velocemente: la decisione può essere presa da un singolo Stato, poi si terrebbe una riunione d'urgenza per scegliere una linea comune.

Riaprire le frontiere europee ai turisti vaccinati o a basso rischio

L'idea è questa: riaprire le frontiere ai turisti che non rappresentano un rischio per il contagio da Covid. Gli Stati membri dell'Unione dovrebbero consentire il viaggio a coloro che hanno ricevuto, almeno 14 giorni prima dell'arrivo, l'ultima dose di un vaccino autorizzato dall'Ema. Ma si potrebbe estendere in generale a chi ha fatto un vaccino nella lista degli approvati per uso d'emergenza dell'Oms. Tutto ciò sarà facilitato una volta che sarà attivo il famoso green pass europeo, ma fino ad allora bisognerebbe accettare certificati dei singoli Stati. Perciò la Commissione propone di creare un unico portale europeo di riconoscimento delle certificazioni dei cittadini provenienti da Paesi extra Ue. Per i bambini in viaggio con i genitori, che al momento sono esclusi dalla vaccinazione, basterebbe un tampone negativo (molecolare) effettuato entro 72 ore dall'arrivo.

In generale, però, la Commissione vorrebbe aprire anche ai non vaccinati, modificando i criteri in cui rientrano i Paesi esteri con una buona condizione epidemiologica. Nello specifico la proposta è di permettere l'arrivo di turisti dai Paesi che abbiano un'incidenza di casi Covid non superiore ai 100 ogni 100mila abitanti ogni due settimane. Al momento il limite è fissato a 25 e ritenuto troppo basso, anche considerando che mediamente in Ue la media è 420. A decidere sarà il Consiglio europeo, che dovrebbe prima accettare la riformulazione fatta dalla Commissione e poi aggiornare ogni due settimane la lista de Paesi.

Corte Ue contro la Polonia: "Viola leggi europee". Eurodeputati alla Commissione: "Bloccare Pnrr"
Corte Ue contro la Polonia: "Viola leggi europee". Eurodeputati alla Commissione: "Bloccare Pnrr"
Salario minimo, arriva il primo via libera alla proposta di direttiva al Parlamento Ue
Salario minimo, arriva il primo via libera alla proposta di direttiva al Parlamento Ue
Cos'è la tessera europea di sicurezza sociale che il Parlamento Ue chiede di introdurre
Cos'è la tessera europea di sicurezza sociale che il Parlamento Ue chiede di introdurre
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni