Buone notizie dal Veneto. La regione che nelle prime settimane ha maggiormente sofferto l'epidemia di coronavirus, essendo stata una dei due focolai italiani, ha oggi raggiunto il traguardo dei zero contagi, in netto anticipo rispetto alle previsioni.Ad annunciarlo  il professor Andrea Crisanti, sottolineando che "questo è il risultato di un lavoro che ha visto in prima linea la Regione, l'Università di Padova e l'Azienda Ospedale di Padova". "Il merito – ha continuato Crisanti – va a tutte le persone che hanno lavorato giorno e notte per raggiungere questo risultato, e alla fine l'intuizione di cercare gli asintomatici ha pagato. Il modello Veneto funziona. Lo ‘zero' è un bene prezioso da conservare con un comportamento virtuoso. Il mio grazie a tutti quelli che ci hanno creduto, a chi ha rispettato le regole spesso dure delle precauzioni messe in atto per il contenimento dei contagi, confidando che questo importante traguardo non vada perso".

Coronavirus, i dati in Veneto di oggi

Ad oggi, 21 maggio, in Veneto sono in totale 19.038 i casi di tamponi positivi: da notare che dalle 8 alle 17  non è stato rilevato nessun nuovo caso di contagio. Gli attualmente positivi sono 3247 (-259), 13.938 i guariti (+240). In isolamento domiciliare ci sono 3210 cittadini (-240).
Cinque i decessi: due all'ospedale di Treviso, due in quello di Villafranca, uno a Vicenza, quest'ultimo nella notte. Continua anche il calo nelle terapie intensive, dove sono attualmente ricoverati 40 pazienti (-6), dei quali 27 già negativizzati, su un totale 550 pazienti negli ospedali (-21). Per finire una curiosità statistica rispetto al bollettino di ieri sera (il Veneto diffonde due report nelle 24 ore). Per effetto della verifica sui tamponi inizialmente positivi, ma dubbi, che poi vengono ripetuti, il dato dei positivi totali di stamattina risulta inferiore di due unità rispetto a quello di ieri sera, 19.038 contro 19.040.