127 CONDIVISIONI
L'arresto e il processo di Patrick Zaki in Egitto
14 Settembre 2021
11:34

In carcere da 19 mesi, inizia il processo in Egitto a Patrick Zaki: rischia altri 3 anni e 5 mesi

Si apre presso un tribunale di Mansura la prima udienza del processo a carico di Patrick Zaki, lo studente dell’Università di Bologna in carcere in Egitto dal febbraio dell’anno scorso. Il ricercatore è accusato di “diffusione di notizie false dentro e fuori il Paese”: rischia una condanna fino a cinque anni di carcere, pena a cui verrebbero sottrati i mesi di custodia.
A cura di Susanna Picone
127 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'arresto e il processo di Patrick Zaki in Egitto

Inizia oggi il processo a Patrick Zaki, lo studente egiziano dell'Università di Bologna in carcere in Egitto dal febbraio dello scorso anno. Alle 10.40 ora locale e italiana è iniziata a Mansura la sessione in cui è inserita la prima udienza del processo allo studente. Presenti nell’aula del Palazzo di Giustizia la sorella, Marise, e il padre, George, assieme ad almeno quatto giovani attivisti o simpatizzanti. La sala era gremita con una sessantina di persone sedute e altre in piedi. Al momento delle prime comunicazioni dei giudici agli avvocati, Patrick non era ancora arrivato.

Contestato a Patrick Zaki un articolo del 2019

Come reso noto da ong egiziane, il rinvio a giudizio dello studente di Bologna è con l'accusa di "diffusione di notizie false dentro e fuori il Paese" sulla base di un articolo scritto da Zaki nel 2019 sui cristiani in Egitto. Dalle informazioni diffuse ieri da ong e da Amnesty, sembra che le accuse più gravi, quelle di istigazione al rovesciamento dello Stato e al terrorismo che erano basate su dieci post di un account Facebook, siano cadute.

Zaki rischia di restare in prigione altri 3 anni e 5 mesi

"I parlamentari e le parlamentari che, al Senato e alla Camera, hanno detto con un voto chiaro e forte che Patrick Zaki è un cittadino italiano, facciano sentire la loro voce in modo altrettanto chiaro e forte nei confronti del governo, ora che inizia il processo", è quanto chiede il portavoce di Amnesty Italia, Riccardo Noury. In caso di condanna al massimo della pena prevista per questo tipo di reato, Zaki rischia di rimanere in carcere altri 3 anni e 5 mesi. “Sì, legalmente è vero. Non abbiamo motivo di immaginare che la pena sarebbe conteggiata diversamente", ha detto all’Ansa Lobna Darwish dell'Eipr, l’“Iniziativa egiziana per i diritti personali", rispondendo alla domanda se i mesi già trascorsi in carcere da Patrick gli verrebbero abbonati in caso di condanna. In caso di una sentenza inferiore ai 19 mesi, dovrebbero liberarlo subito.

127 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni