1.580 CONDIVISIONI
Covid 19
21 Dicembre 2021
10:34

Ilaria Capua: “Senza vaccini l’Italia avrebbe i morti per strada”

Ilaria Capua: “Se non avessimo il vaccino, e le persone si comportassero da negazionisti, avremmo i morti per strada, come in Ecuador, Perù, Brasile”.
A cura di Davide Falcioni
1.580 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

C'è un dubbio che serpeggia da settimane tra milioni di italiani, non necessariamente No Vax: quello che la campagna vaccinale sia stata in fondo un fallimento vista la necessità di ricorrere già a una dose di richiamo e vista la capacità della variante Omicron di eludere la protezione conferita dalle due dosi. Si tratta di un dubbio infondato, però, e a spiegarlo è la dottoressa Ilaria Capua, virologa della University of Florida, secondo la quale in Italia "se non avessimo il vaccino, e le persone si comportassero da negazionisti, avremmo i morti per strada, come in Ecuador, Perù, Brasile". Secondo la scienziata, inoltre, senza vaccini "ci sarebbero molti Paesi al tracollo con più malati gravi e morti. Si rischierebbe il collasso". Intervistata da Repubblica Capua ha sottolineato che "l'obiettivo di Green pass, tamponi, vaccinazioni, terza dose, distanziamento" è quello di "non mandare in sovraccarico gli ospedali, perché se succede come l'anno scorso a Bergamo, la gente rischia di morire a casa o per strada".

Insomma, il sospetto che i vaccini siano un flop è completamente infondato: senza, infatti, l'Italia avrebbe contato decine di migliaia di morti in più. Per questo ora è fondamentale continuare ad avere fiducia nella scienza e sottoporsi alla terza dose: "Omicron o Delta, gli strumenti li abbiamo, per la prevenzione e la terapia. Non c’è nulla di nuovo che dobbiamo fare, ma continuare quello che ci è sempre stato chiesto, cioè vaccinarci, seguire le norme igieniche, evitare posti affollati. Ma aumentare l’ansia e far perdere credibilità al sistema e soprattutto a ciò che la scienza offre, nelle persone che hanno strumenti limitati per capire, è molto pericoloso", ha detto Ilaria Capua.

La scienziata ha preannunciato che con ogni probabilità ci saranno anche una quarta e una quinta dose di vaccino: "All’inizio di ogni inverno si farà il richiamo, come per l’influenza. Non capisco questa ansia di dire, faremo la quarta dose, la quinta: e allora? Per fortuna le abbiamo. Nell’emisfero Nord, dove sono Italia ed Europa, bisogna garantire la protezione quando fa freddo. Siccome l’inverno fra tre mesi finisce, e per quella data il vaccino contro Omicron non l’avremo, bisogna fare quello che c’è". Di certo "il Covid non andrà via. Mi dispiace dirvelo, ma questi sono macrocicli di centinaia o migliaia di anni, si endemizzerà. I virus emergenti fanno così: passano da una specie animale a un’altra, e quando hanno raggiunto un numero di infezioni sufficiente per l’endemizzazione non li fermi più. Come il morbillo, che sta con noi da oltre duemila anni".

1.580 CONDIVISIONI
29620 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni