Delitto di Avetrana: l'omicidio di Sarah Scazzi
25 Settembre 2012
17:52

Il processo Scazzi riprende dopo la pausa estiva: oggi la 22esima udienza

Dopo una lunga pausa il processo relativo all’omicidio di Avetrana si avvia verso la sua fase finale: oggi a Taranto sono stati ascoltati alcuni imputati minori. Presenti in aula lo “zio Michele” e le due imputate principali Sabrina e Cosima che parleranno il 23 ottobre.
A cura di Susanna Picone
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Delitto di Avetrana: l'omicidio di Sarah Scazzi

Per due mesi era calato il silenzio sull’omicidio di Sarah Scazzi, la 15enne uccisa il 26 agosto del 2010 nella casa di via Deledda ad Avetrana (Taranto). Il processo in corso, che vede accusate dell’omicidio della giovane la zia Cosima Serrano e la cugina Sabrina Misseri, è ripreso oggi, con la 22esima udienza al Tribunale di Taranto. La seduta odierna non è stata particolarmente rilevante, a parlare nell’aula della Corte di Assise del Tribunale del capoluogo jonico, sono arrivati Anna Scredo, cognata del fioraio del “sogno” Giovanni Buccolieri, e suo marito Antonio Colazzo (imputato al processo per un reato minore) e che si è avvalso della facoltà di non rispondere. Avrebbe dovuto parlare di circostanze relative alla suocera Cosima Prudenzano, imputata come lui per false dichiarazioni. Inoltre, la corte presieduta da Rita Triunfo, ha ascoltato Michele Galasso, un amico del fioraio e indagato insieme a lui in un procedimento connesso per falsa testimonianza, e la dottoressa Valeria Scazzari, consulente di parte dell’avvocato difensore di Cosimo Cosma.

Assente in aula la mamma di Sarah – In Tribunale era presente la famiglia Misseri, dallo zio Michele (imputato in concorso per soppressione di cadavere) a sua moglie Cosima e alla figlia Sabrina, quest’ultime tuttora in carcere. Non si è presentata, invece, Concetta Serrano, la madre della 15enne uccisa. La prossima udienza del processo Scazzi è stata fissata per il 2 ottobre quando sono previste le deposizioni di altri tre imputati: Carmine Misseri, il fratello dello zio di Sarah, Cosimo Cosma, il nipote (entrambi sono accusati di concorso in soppressione di cadavere), e l’avvocato Vito Russo che è imputato per reati minori tra cui intralcio alla giustizia. Poi sarà il turno delle due imputate principali accusate di omicidio volontario, sequestro di persona e soppressione di cadavere: il 23 ottobre parleranno di nuovo Cosima e Sabrina.

Caso Sarah Scazzi, negato permesso premio alla cugina Sabrina Misseri: "Socialmente pericolosa"
Caso Sarah Scazzi, negato permesso premio alla cugina Sabrina Misseri: "Socialmente pericolosa"
Caso Sarah Scazzi, per Strasburgo ammissibile il ricorso della difesa: che cosa significa
Caso Sarah Scazzi, per Strasburgo ammissibile il ricorso della difesa: che cosa significa
Valentina Misseri: "È stato mio padre a uccidere Sarah Scazzi, questo è un clamoroso errore giudiziario"
Valentina Misseri: "È stato mio padre a uccidere Sarah Scazzi, questo è un clamoroso errore giudiziario"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni