Le Frecce Tricolori compiono 60 anni. Il loro nome ufficiale è 313° Gruppo Addestramento Acrobatico e sono la Pattuglia Acrobatica Nazionale dell'Aeronautica Militare Italiana. Nascono nel 1961 ma la loro storia arriva da un po' più lontano. La prima scuola di volo acrobatico risale infatti al 1930, all'Aeroporto di Udine-Campoformido. Nonostante ciò, non esisteva un gruppo permanente di volo. Nel 1961, quindi, si decise di fondare un reparto la cui finalità specifica fosse l'esibizione acrobatica nazionale. Per questo furono selezionati i migliori piloti dei vari reparti. Il maggiore Mario Squarcina fu l'uomo incaricato per portare a termine il compito: egli era già leader del gruppo acrobatico dei Diavoli Rossi, pattuglia acrobatica della Areonautica Militare dal 1957 fino al 1959. Si trattava, in pratica, degli antenati della più ufficiale Pattuglia Acrobatica Nazionale, che arrivò a contenere piloti provenienti da tutti i reparti dell'Aeronautica.

La prima uscita ufficiali per le Frecce Tricolori fu il primo maggio successivo, con una formazione a 5 velivoli sull'aeroporto di Trento Gardolo. Le Frecce Tricolori iniziarono con un velivolo italiano FIAT G-91 PAN che lasciarono solo nel 1982, quando si passò al MB-339PAN in dotazione ancora oggi. Le Frecce Tricolori sono da sempre adibite a un ruolo rappresentativo in eventi simbolici di rilevanza nazionale. In questi 60 anni, la Pattuglia Acrobatica Nazionale ha portato le sue esibizioni in almeno 48 Paesi del mondo, dall'America fino al Nord Africa.

L'abbraccio Tricolore

Un anniversario, questo, che cade in un momento particolare e molto difficile. La Pattuglia Acrobatica Nazionale nel 2020 ha compiuto uno storico quanto memorabile volo su tutti i capoluoghi di regione italiani per portare il tricolore nei cieli del Paese durante la prima ondata di emergenza Coronavirus. L'iniziativa prese il nome simbolico di "Abbraccio Tricolore" proprio per trasmettere agli italiani l'abbraccio della nazione in un momento in cui la popolazione era chiusa in casa tra enormi sofferenze. Il volo è iniziato a fine maggio 2020 culminando con l'ultima esibizione su Roma il 2 giugno, per la Festa della Repubblica.