Secondo l'amministratore delegato della Moderna, produttrice del vaccino anti-Covid, il virus diventerà "endemico" e sarà "in giro per sempre". Lo ha detto nel corso di una tavola rotonda di esperti organizzata presso la JP Morgan Healthcare Conference. A riportarlo per prima la CNBC che ha citato l'intervento di Stéphane Bancel. "La SARS-CoV-2 non sta andando via – ha spiegato – ed è probabile che vivremo con questo virus per sempre".

Se il Covid diventasse una malattia endemica, significherebbe che sarà presente in qualunque momento nelle comunità, ma a livelli più bassi di quanto sia ora grazie ai vaccini e alla scienza. Gli scienziati, quindi, dovranno costantemente studiare le nuove varianti del virus, in modo da produrre vaccini per combatterle. Il vaccino di Moderna è stato autorizzato dalla Food and Drug Administration per l'uso negli americani di età pari o superiore ai 18 anni. Ulteriori studi, poi, vanno completati sui bambini, il cui sistema immunitario può rispondere ai vaccini in modo diverso rispetto a quello degli adulti.

Virus endemico

La pandemia, infatti, potrebbe evolversi in una malattia della prima infanzia nei prossimi anni. Sarebbe questo lo scenario se il virus diventasse endemico come previsto anche dal CEO di Moderna: l'infezione potrebbe notevolmente attenuarsi e colpire entro i 3-5 anni di età con sintomi modesti e non potenzialmente letali come quelli attuali. Lo indica un modello pubblicato su Science dai ricercatori della Emory University e della Penn State University degli Stati Uniti. Il tasso di letalità di SarsCoV2 potrebbe scendere al di sotto di quello dell'influenza stagionale. Quanto tempo ci vorrà per questo processo resta però un'incognita importante. Si agisce per il momento su un territorio inesplorato, ma secondo lo studio bisogna favorire in questo momento le vaccinazioni per rendere il Covid una malattia endemica non letale nel minor tempo possibile.