2.294 CONDIVISIONI
Covid 19
22 Settembre 2022
11:20

“I casi Covid tornano a crescere, chi è a rischio faccia subito la quarta dose”: l’allarme di Gimbe

Tornano a crescere i nuovi casi Covid dopo un mese di calo ininterrotto. E nelle prossime settimane la situazione peggiorerà per via di “riapertura delle scuole, maggiore frequentazione dei luoghi chiusi e decadenza dell’obbligo di mascherina sui mezzi pubblici dal 30 settembre”, avvisa il presidente di Gimbe Cartabellotta. Perciò chi è a rischio deve fare subito la quarta dose di vaccino.
A cura di Tommaso Coluzzi
2.294 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Dopo un mese, i nuovi casi di Covid-19 sono tornati a crescere. La fine dell'estate, anche quest'anno, segna una rapida risalita del numero dei contagi. Secondo quanto registrato dal consueto bollettino settimanale della Fondazione Gimbe, i nuovi casi nell'ultima settimana sono stati 120.057, l'11,3% in più rispetto alla precedente. Sono ancora in calo, però, tutti gli altri indicatori: i decessi sono 334 (meno 12,8%), i ricoverati in terapia intensiva sono 150 (meno 8%), quelli in area medica sono 3.495 (meno 9,6%), e i positivi in isolamento domiciliare sono 410.422 (meno 8,8%). Gli attualmente positivi, in generale, sono ancora 414.067 (meno 8,8%).

Quanto alla campagna vaccinale, invece, la situazione è abbastanza statica. Non c'è grande afflusso verso i centri vaccinali, neanche tra chi deve ricevere la quarta dose: si viaggia intorno alle 10mila somministrazioni al giorno, per quanto riguarda il secondo booster. Sui 19,1 milioni di aventi diritto alla quarta dose, al momento, la copertura è ferma al 16,6%, poco più di un italiano su sei tra le categorie considerate a rischio. In generale, invece, ci sono 6,81 milioni di persone che non hanno ricevuto alcuna dose di vaccino contro il Covid in Italia. Parliamo di un numero ormai consolidato, coloro che hanno deciso – per scelta – di non ricevere il vaccino. Per capirci: i nuovi vaccinati – che da zero hanno deciso di farsi somministrare la prima dose – nell'ultima settimana sono stati 1.480. Praticamente 200 al giorno.

"I dati indicano segnali di ripresa della circolazione virale da monitorare con attenzione nelle prossime settimane – avvisa il presidente di Gimbe, Nino Cartabellotta – vista la concomitanza di vari fattori che possono determinare un aumento dei nuovi casi di imprevedibile entità". E elenca: "Riapertura delle scuole, maggiore frequentazione dei luoghi chiusi con l’arrivo dei primi freddi, decadenza dell’obbligo di mascherina sui mezzi pubblici dal 30 settembre". Ecco perché "alle porte dell’autunno è fondamentale per le categorie a rischio effettuare al più presto il secondo richiamo, visto il declino dell’efficacia vaccinale nei confronti della malattia grave dopo 120 giorni".

2.294 CONDIVISIONI
32146 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni