Grave incidente a Gela, in Sicilia, dove un camion adibito a rosticcceria per la preparazione di polli allo spiedo è esploso. È avvenuto nell'area in cui stava tenendo il mercato rionale, in via Madonna del Rosario, nei pressi della stazione centrale. La deflagrazione avrebbe provocato al momento venti feriti, dei quali cinque gravi, tutti in codice rosso, intubati e in coma farmacologico. Tre di loro si trovavano sul furgoncino al momento dello scoppio. Le fiamme avrebbero, in particolare, causato ustioni sul 60% del corpo a due che lavoravano sul camioncino mentre la ragazza che operava con loro, oltre ad avere riportato estese bruciature avrebbe perso l'uso di un occhio colpito da una scheggia dopo lo scoppio.

Chi sono i feriti dell'esplosione di Gela

La più grave tra i feriti è una ragazza di 22 anni, M.M., che ha subito gravi ustioni in varie parti del corpo, e poi C.M. di 37 anni, all'ottavo mese di gravidanza, T.N. di 42 anni, G.S. di 64 anni e un ragazzo di quattordici anni, A. P. Molto gravi, ma per fortuna non in coma, una donna di 62 anni, R.A., e C.C. di 51 anni. Ferito anche il proprietario del furgone, un 45enne di Grotte, trasportato al Cannizzaro di Catania in codice giallo. Anche le quattro donne sono state trasferite nell'Unità Grandi Ustionati del nosocomio catanese, mentre il ragazzo è stato trasportato al Civico di Palermo.

Cosa è successo a Gela: la dinamica

Stando alle prime informazioni, quattro persone, tra cui una donna, che erano sul furgone, sono stati investiti in pieno dall'esplosione, numerosi avventori sono rimasti gravemente ustionati. Due feriti sono stati trasferiti in elisoccorso. Le cause dell'esplosione non sono ancora note, ma probabilmente a deflagrare sarebbero state delle bombole di gas presenti sul camion, dopo aver preso fuoco per cause che sono ancora in via di accertamento. Alcuni testimoni hanno riferito di avere visto diverse persone fuggire con gli abiti in fiamme, prima di essere soccorse. Fino ad ora il bilancio ufficiale è di sette feriti, ma potrebbe essere destinato ad aumentare. I due in gravi condizioni sono stati trasferiti in elisoccorso al reparto Grandi Ustionati dell'ospedale Civico di Palermo e in un ospedale di Catania; gli altri cinque sono ricoverati in ospedale a Gela. Sul posto sono intervenuti carabinieri, polizia e soccorritori del 118. A quell'ora, intorno a mezzogiorno, al mercato c'erano centinaia di persone. Ancora in atto le operazioni di soccorso e messa in sicurezza.