video suggerito
video suggerito
La scomparsa di Francesca Deidda

Francesca Deidda scomparsa a maggio, si cerca il corpo: così la collega ha scoperto l’inganno del telefono

Gli inquirenti cercano il corpo di Francesca Deidda, 42 anni, scomparsa a maggio nella zona di Cagliari. Le forze dell’ordine hanno arrestato il marito Igor Sollai che avrebbe usato il suo cellulare per confondere parenti, amici e colleghi della donna.
A cura di Gabriella Mazzeo
454 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Dopo l'arresto di Igor Sollai, gli inquirenti cercano il corpo di Francesca Deidda, 42 anni, scomparsa a maggio nella zona di Cagliari. Secondo chi indaga, l'uomo si sarebbe finto la 42enne usando il suo cellulare per giorni dopo averla uccisa e aver nascosto il suo corpo. Per il pm Marco Cocco, la donna sarebbe stata uccisa dal marito 43enne che voleva dedicarsi alla sua relazione extraconiugale. Sollai ha fatto scena muta davanti al gip ed è finito in cella per omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere.

Si cerca il corpo di Francesca Deidda

Dopo il delitto, Sollai avrebbe nascosto il corpo della moglie in un luogo non ancora individuato e usato il suo cellulare per settimane. Si sarebbe sostituito a lei per ingannare i familiari, gli amici e i colleghi di lavoro della 42enne. Un inganno che però a un certo punto ha insospettito una collega di lavoro e il fratello: i due, infatti, hanno sporto denuncia di scomparsa il 30 giugno, facendo così scattare le indagini.

Igor Sollai
Igor Sollai

Nelle prossime ore sarà organizzata un'operazione di ricerca del corpo della 42enne in cui saranno coinvolti i cacciatori di Sardegna, i militari della Compagnia di Iglesias, i colleghi del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Cagliari, i vigili del fuoco e la Protezione civile.

Come ha fatto la collega a scoprire l'inganno del telefono

Le ricerche toccheranno i luoghi in cui si è attivata la cella del cellulare di Deidda, il telefonino mai trovato che Sollai avrebbe usato per sostituirsi a lei. Il 43enne aveva un'altra relazione e nei giorni successivi alla scomparsa della moglie avrebbe risposto a numerosi sms, arrivando a mandare una mail al call center in cui la moglie lavorava per farla licenziare.

La collega che poi ha deciso di sporgere denuncia gli ha però teso una trappola mandando un messaggio al numero della 42enne. Nell'sms, la collega riferiva che un'altra impiegata si era licenziata, ma avrebbe usato un nome di fantasia inesistente. L'interlocutore dall'altra parte del telefono non si è accorto di nulla e con questo elemento, la donna ha deciso di muoversi per denunciare la scomparsa. Sempre nelle prossime ore saranno pianificati gli accertamenti a bordo delle auto e dell'appartamento di Igor Sollai.

454 CONDIVISIONI
8 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views