Trenord ha comunicato che da domani saranno chiuse le stazioni nei comuni del Lodigiano dove si è diffuso un focolaio di Coronavirus che ha contagiato finora 15 persone. In seguito all'ordinanza emessa da Regione Lombardia e ministero della Salute, che al punto 8 indica la “interdizione dei mezzi pubblici”, dalla giornata di sabato 22 febbraio i treni non effettueranno fermata nelle stazioni di Codogno, Maleo e Casalpusterlengo.

Trenord, servizio totalmente sospeso sulle linee Pavia-Codogno e Cremona-Codogno

In particolare: i treni della linea Milano-Piacenza non effettuano fermata a Codogno e Casalpusterlengo; i treni della Mantova-Cremona-Milano non fermeranno a Codogno. Il servizio è sospeso totalmente sulle linee Pavia-Codogno e Cremona-Codogno. "A seguito dell’ordinanza inoltre sarà sospesa l’attività di biglietteria presso le stazioni di Codogno e Casalpusterlengo", spiega l'azienda. Il provvedimento sarà in vigore fino a nuova comunicazione da parte dell'autorità. Trenord in una circolare a tutti i dipendenti ha raccomandato di indossare le mascherine e spiegato come comportarsi in caso di "ragionevole sospetto".

Dieci comuni sono in "quarantena"

I dieci comuni che rientrano nel provvedimento delle autorità sono Codogno, Castiglione d'Adda, Casalpusterlengo, Fombio, Maleo, Somaglia, Bertonico, Terranova dei Passerini, Castelgerundo e San Fiorano. Qui oltre alla soppressione delle fermate dei mezzi pubblici è previsto lo stop agli eventi pubblici di ogni tipo. La chiusura delle scuole, delle aziende degli uffici comunali. La sospensione delle attività commerciali tranne i servizi essenziali. Il ministro della Salute Speranza ha spiegato che si tratta di scelte sul modello di quelle adottate per i focolai di Coronavirus in Germania e in Francia: "Sono scelte forti che riguardano un territorio circoscritto con l'obiettivo essenziale di limitare il contagio",