Un pranzo al ristorante per festeggiare il giorno San Valentino purtroppo si è rivelato un focolaio di contagio da coronavirus con decine di clienti contagiati a Cupra Marittima, cittadina costiera marchigiana in provincia di Ascoli Piceno. Quel giorno nel locale vi erano circa novanta persone tra clienti e personale e ora oltre una ventina sono risultati contagiati dal virus e gli latri son stati sottoposti a quarantena. I casi sono distribuiti in diversi Comuni del Piceno dove sono residenti i clienti e i dipendenti del ristorante mala maggior parte riguardano proprio Cupra Marittima.  Non si sa da chi sia partito il contagio ma quando uno dei clienti ha scoperto di essere stato contagiato con i primi sintomi covid ha avvertito il locale ed è partito il tracciamento dei contatti e degli altri clienti che ha scoperto altre decine di positività.

"Ho avvertito la clientela per via telefonica, e sono rimasto qui nel ristorante per avvertire coloro che non ero riuscito a contattare. Nel frattempo i dipendenti del ristorante sono tutti sottoposti alla quarantena. Ad ogni modo, al momento, tutti i positivi rilevati non sembrano siano in gravi condizioni. Nel ristorante manteniamo tutte le misure previste dalla legge, anzi, distanziamo ancor più i tavoli rispetto al minimo imposto " ha spiegato il titolare del locale che è stato chiuso e sanificato. Il lavoro del Servizio Igiene e Sanità pubblica dell’Area Vasta 5 però ora continua per cercare di risalire anche agli altri contatti dei positivi avvenuto prima del scoperta del focolaio di contagio.

A causa del focolaio a Cupra Marittima l'allerta è massima anche perché altri casi sono stati segnalati a scuola. Fino a ieri positivi erano 44 con 59 cittadini in quarantena su un popolazione di poco più di 5mimal abitanti. "Stiamo avendo un incremento dei casi di positività al covid-19, purtroppo, ma stiamo lavorando in collaborazione con l’Asur e le forze dell’ordine per mantenere la situazione sotto controllo" ha spiegato il sindaco Alessio Piersimoni, aggiungendo: "Massima attenzione verso la scuola, dove oltre alla messa in quarantena di tutta la scuola materna da parte dell’Asur, sono state effettuate specifiche sanificazioni negli scuolabus e presso i locali della mensa. Per la giornata di giovedì l’Asur ha organizzato uno screening dei bambini e del personale sottoposti a quarantena