Purtroppo non è riuscita a chiarire i dubbi principali degli inquirenti l’autopsia sui corpi di Flavio Presuttari e Gianluca Alonzi, i due 16enni di Terni morti nel sonno e trovati cadavere in casa dopo aver consumato droga la sera precedente. Secondo le prime notizie, infatti, l’esame post mortem, eseguito oggi all'istituto di medicina legale di Perugia e durato circa quattro ore, non avrebbe chiarito le cause esatte del decesso dei due adolescenti. Secondo quanto appreso dall’Ansa, rimane confermata per ora l'ipotesi di un decesso legato all'uso di una sostanza tossica, così come dichiarato dal Procuratore di Terni.

Flavio e Gianluca, si attendono esami tossicologici

Ad accertare la natura della sostanza, che sarebbe metadone secondo Aldo Maria Romboli, il pusher che ha consegnato loro la sostanza che è ora a gli arresti, saranno gli esami tossicologici i cui esiti si sapranno in settimana. Anche per avere la relazione finale sull’autopsia dei due ragazzini si dovrà attendere ancora qualche altri giorno e probabilmente verrà consegnata ai pm non prima della fine della prossima settimana.

L’ipotesi principale, come si legge nell’ordinanza di convalida dell’arresto firmata dal Gip, e che i due si sono sentiti male dopo aver assunto metadone contenuto in un flacone da 50 ml riempito per metà e versato in una bottiglietta d'acqua da mezzo litro riempita per tre quarti che il 41enne arrestato aveva venduto loro per la soma di 15 euro la sera del 6 luglio scorso. Flavio Presuttari e Gianluca Alonzi si erano sentiti male poco dopo ma avevano rassicurato gli amici che li avevano visti anche vomitare. La tragedia infine durante la notte al termine della quale i parenti li hanno trovati già morti nei loro letti.

Analisi dei loro computer e telefoni cellulari

Intanto proseguono anche le indagini investigative che, dopo aver raccolto le testimonianze di tutti gli amici dei due ragazzini, si stanno concentrano ora sull’analisi dei loro computer e telefoni cellulari. I carabinieri di Terni stanno scandagliando messaggi e telefonate per ricostruire le loro ultime ore di vita, dall’assunzione di droga fino al ritorno a casa  ma anche i gironi precedenti quando è maturata l’idea di assumere il mix che si è rivelato letale.

Direttore Serd: "A Terni in cura molti più minorenni rispetto a prima"

Come ha sottolineato ai microfoni di Fanpage.it il dottor Mario Cuccuini, responsabile del Serd di Terni, l'uso della droga in generale è in netto aumento negli ultimi anni tra i giovanissimi tanti che rispetto la passato in cura vi sono anche numerosi minorenni. "C'è un aumento dell'Utenza ma è una cosa registrata già da alcuni anni" ha spiegato Cuccuini, aggiungendo: "I giovanissimi fino a sette o otto anni fa sembravano quasi completamente scomparsi invece negli ultimi anni sono aumentati tantissimo". "C'è una elevata circolazione di droga anche perché vengono assunte in modalità tali da renderle più appetibili ai giovani. Inoltre il venditore ora vende tutto e quindi è più facile che si passi da una sostanza all'altra" ha aggiunto il responsabile del Serd di Terni, rivelando: "Ci viene riportato l'uso di codeina tra adolescenti seguendo la moda dei vari rapper".

Funerali di Flavio e Gianluca lunedì

Dopo l'autopsia il giudice comune dovrebbe finalmente consegnare i due corpi alle rispettive famiglie concedendo il nulla osta per i funerali di Flavio e Gianluca. Si attende ora il via libera ufficiale ma, come annunciato dalle famiglie, le esequie dovrebbero svolgersi lunedì alle 15 in duomo a Terni.