Immagine di repertorio.
in foto: Immagine di repertorio.

Ha perso il controllo del suo scooter ed è finito contro un cantiere edile. Ma l'impatto è stato talmente violento che per lui non c'è stato scampo. E' morto ieri, lunedì 29 giugno, a 28 anni Gabriele Masi, originario di Sesto Fiorentino, nel giorno che avrebbe dovuto ricordare per tutta la vita: quello della sua laurea. Aveva discusso la tesi  ore prima , poi si è verificato l'incidente in lungarno Soderini a Firenze. Erano le 03:30 di notte e il giovane, secondo una prima ricostruzione, arrivato all'altezza di piazza di Cestello, per cause da accertare, ha perso il controllo, è scivolato e andato a sbattere contro un cantiere edile. Inutile l'intervento dei sanitari del 118 per tentare di rianimarlo.

La salma è stata trasporta all'istituto di medicina legale su disposizione del pm di turno. Sono stati effettuati i rilievi da parte della polizia municipale per stabilire la dinamica dell'incidente e il cantiere è stato sottoposto a sequestro. Le immagini registrate da una telecamera di sicurezza mostrano come non vi siano altri mezzi coinvolti, ma quello che bisognerà appurare è se la segnaletica dei lavori è stata messa correttamente e se lo stesso cantiere – regolarmente autorizzato – non fosse troppo sporgente sulla strada. Lutto e incredulità, intanto, nel comune di residenza di Gabriele. "Ci stringiamo attorno alla famiglia del 28enne. Una fatale tragedia che colpisce un giovane che, come tanti suoi coetanei, aveva molti sogni", ha detto la vicesindaca Cristina Giachi. "Le condoglianze, mie personali e del Comune – ha aggiunto – vanno ai genitori, alla famiglia e agli amici".