476 CONDIVISIONI
Covid 19
15 Dicembre 2020
20:03

Fermato dalla polizia senza autocertificazione: “Sto andando a comprare la droga”

La notte scorsa uno scooterista fiorentino non si è fermato all’alt intimato dalla polizia a un posto di blocco e si è dato alla fuga per le strade di Novoli: l’uomo, di 53 anni, è stato rincorso e raggiunto dagli agenti, ai quali ha raccontato di essere uscito di casa per andare a “comprare la droga”.
A cura di Davide Falcioni
476 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Sembra una barzelletta, eppure non lo è. La notte scorsa uno scooterista fiorentino non si è fermato all'alt intimato dalla polizia a un posto di blocco per poi darsi alla fuga per le strade di Novoli: l'uomo, di 53 anni, è stato rincorso e raggiunto dagli agenti dopo un concitato inseguimento e quando gli è stato chiesto perché fosse fuggito e che ci facesse di notte in giro per la città nell'autocertificazione ha esplicitamente dichiarato che stava andando a comprare della droga.

I fatti sono avvenuti intorno all'una di notte, quando l’uomo ha attirato l’attenzione di una volante della Questura di Firenze, mentre viaggiava nella zona di viale Guidoni a bordo di un motorino con il faro posteriore fuori uso. Appena gli agenti si sono avvicinati per il controllo, il 53enne ha accelerato, collezionando in poco tempo una serie di violazioni al codice della strada oltre a una salata multa per non aver rispettato le vigenti prescrizioni per il contenimento del Covid-19. Per quanto riguarda la sua fuga spericolata l’uomo è stato denunciato per il reato di resistenza a pubblico ufficiale, mentre naturalmente non è dato sapere se davvero fosse stata sua intenzione andare a comprare droga.

In base all'ultimo Dpcm in Toscana, regione "arancione", è consentito spostarsi esclusivamente all’interno del proprio Comune, dalle 5 alle 22, senza necessità di motivare lo spostamento. Dalle 22 alle 5 sono vietati tutti gli spostamenti, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. Sono anche vietati, 24 ore su 24, gli spostamenti verso altri Comuni e verso altre Regioni, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di studio o di salute o per svolgere attività o usufruire di servizi non disponibili nel proprio Comune (per esempio andare all’ufficio postale o a fare la spesa, se non ci sono tali uffici o punti vendita nel proprio Comune).

476 CONDIVISIONI
29784 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni