Claudio Bertucci e il padre Alfredo nel loro laboratorio di lavorazione del ferro battuto: sono morti per Coronavirus come la madre Angela e l’altro figlio, Daniele (Foto: Facebook)
in foto: Claudio Bertucci e il padre Alfredo nel loro laboratorio di lavorazione del ferro battuto: sono morti per Coronavirus come la madre Angela e l’altro figlio, Daniele (Foto: Facebook)

C'è una foto, pubblicata nel 2015 sulla pagine Facebook della loro azienda di lavorazione del ferro battuto, che ritrae Alfredo Bertucci e uno dei figli, Claudio, intenti a lavorare insieme. Un padre che stava tramandando la propria esperienza e i propri segreti al figlio che ne aveva seguito le orme. Padre e figlio adesso sono entrambi morti, uccisi dal Coronavirus. Ma lo stesso, terribile nemico invisibile ha anche causato la morte dell'altro figlio dell'uomo, Daniele. La madre dei due, Angela Albergati, 77enne di Voghera in provincia di Pavia, sta invece combattendo contro la potenza di un virus che qualcuno ancora sminuisce, dopo che nella sola Lombardia ha causato 6360 morti e contagiato oltre 41mila persone.

Il primo a morire il padre, seguito dai due figli

La famiglia Bertucci è stata colpita in modo tragico: il virus l'ha sterminata, portandosi via prima il padre, l'86enne Alfredo, fabbro molto stimato a Voghera, poi i due figli. Claudio Bertucci, che con i suoi 46 anni era il più piccolo, aveva seguito le orme del padre e lavorava con lui nel laboratorio in via Zanardi, le cui creazioni sono immortalate nelle immagini, oggi chiaramente particolarmente toccanti, pubblicate sulla pagina Facebook aziendale. Il figlio maggiore, Daniele Bertucci, aveva invece 54 anni, una moglie e due figlie. Anche lui aveva fatto della manualità il suo lavoro: era uno stimato tecnico della ditta di orologi Sordi Spa, che si trova in strada Bobbio.

La madre è l'unica rimasta ancora in vita

La notizia della morte dei tre aveva sconvolto la cittadina del Pavese, facendola sprofondare in un incubo che era diventato ancora più terrificante dopo la notizia della morte della moglie di Alfredo e madre dei due fratelli, Angela. Dopo due giorni però la notizia è stata smentita: un'errata segnalazione della polizia mortuaria al Comune di Voghera aveva fatto scaturire l'errore, che è stato poi comunicato dal sindaco Carlo Barbieri. Angela Albergati resta ricoverata all'ospedale di Voghera. La donna, come i famigliari, ha accusato i sintomi del Covid-19 e lo scorso mercoledì è stata soccorsa dal 118 e trasportata all'ospedale di Voghera, lì dove erano stati portati anche il marito e i figli.