200 CONDIVISIONI
Covid 19
27 Ottobre 2021
11:46

Falsi Green Pass, c’è la conferma: sottratte le chiavi. Sogei: annulleremo i codici contraffatti

I falsi Green Pass intestati ad Adolf Hitler ma perfettamente validi, mostrati da Fanpage.it, sono frutto della sottrazione di chiavi che non sarebbe avvenuta in Italia. La Sogei che si occupa dei ‘passaporti verdi’ in Italia fa sapere che i codici generati in maniera fraudolenta saranno tutti annullati.
A cura di Davide Falcioni
200 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Diverse chiavi che permettono la generazione del green pass europeo sarebbero state sottratte e con quelle sarebbero stati pubblicati e diffusi in rete programmi per creare certificati falsi.  Sogei, la società di Information tecnology del ministero dell'Economia che per l'Italia fornisce i codici per generare i certificati verdi avrebbe  già deciso di annullare tutti i pass generati con quelle chiavi. In mattinata, inoltre, sarebbero in programma una serie di incontri a livello europeo tra tutti i soggetti tecnici interessati per un'analisi approfondita della situazione. Non si conosce al momento il numero dei codici sottratti né se il problema riguardi anche l'Italia, anche se sono in corso accertamenti. Sogei sostiene che la sottrazioni di chiavi non sarebbe avvenuta in Italia. L' attacco potrebbe dunque aver riguardato un omologo ente di un altro paese europeo.

La truffa, anticipata questa mattina da Fanpage.it, sarebbe nata da una discussione su Raidforums, uno dei canali più seguiti del dark web, dove un utente avrebbe chiesto a un venditore polacco di creare un green pass europeo intestato ad Adolf Hitler. Dopo aver pagato 300 euro l'utente ha ottenuto un certificato perfettamente funzionante e in questo momento i pass falsi stanno circolando anche su alcuni gruppi di Telegram.

I pass falsi che stanno circolando tra i no vax sarebbero almeno due, entrambi intestati al dittatore nazista, ma con date di nascita differenti: una indica il primo gennaio 1900 e l’altra il 1930. Se inquadrati con le apposite app di controllo i due Qr code risultano validi, e sul display del controllore appare  la spunta verde e la frase “certificazione valida in tutta Europa". Non tutti, purtroppo, hanno fatto caso a un dettaglio piuttosto importante, e cioè che quel pass apparterrebbe all'ex dittatore, che almeno in un caso risulta essersi vaccinato in Francia con Pfizer.

Secondo gli utenti la falsa certificazione potrebbe essere stata generata da qualcuno che lavora in farmacia o in ospedale e ha dunque accesso al sistema di produzione dei certificati, mentre un noto leaker francese ha fornito un'altra ipotesi che si starebbe rivelando valida: qualcuno ha avuto accesso alle chiavi di criptazione usate per firmare il certificato digitale del Green pass europeo. Il QR code contiene i dati anagrafici della persona, la data di validità del "passaporto verde" e, nel caso si tratti di un utente immunizzato contro Covid-19, anche il tipo di vaccino somministrato.

200 CONDIVISIONI
28324 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni